giovedì 26 novembre 2015

QUESTE SON LE "FIABE" FIGLIA MIA

Daisy Zamora (Managua- Nicaragua 20 giugno 1950)


FIABE  

(da A cada quién la vida, 1993)


Biancaneve rifiutò di fare la serva ai nani,

e non le permisero di entrare nella casetta.
Cenerentola denunciò per maltrattamenti la sua matrigna.
Senza fucile non entro nel bosco, disse Cappuccetto,
dopo che il lupo la seguì per la prima volta.
(La nonna non ha mai aperto la porta senza prima guardare).
Pelle d’Asino osò denunciare l’incesto di suo padre.
La Sirenetta non morì d’amore. Nemmeno si illuse
che un principe l’avrebbe sposata.
Quando la Bella incontrò la Bestia, lo amò com’era,
senza aspettare qualche tipo di miracolo.
Riccioli d’Oro non provò neppure ad assaggiare la minestra;
gli orsi l’avrebbero divorata all’istante.
La Principessa sul Pisello non accettò di dormire
sopra tanti materassi, e gridò che se dubitavano
del suo lignaggio, andassero tutti all’inferno.
Alice non viaggiò mai nel Paese delle Meraviglie
e la Bella Addormentata si coricò, annoiata,
perché non le permettevano mai di fare quello che voleva.
Queste sono le fiabe, figlia mia.
La vita si incaricherà di raccontartele.


DAISY ZAMORA 
Altre letture di questa scrittrice in questo Blog QUI



***************************************************



Cuentos de hadas    (in lingua originale)
Blancanieves se negó a ser sirvienta de los enanos,
y no le permitieron entrar a la casita.
La Cenicienta demandó por maltrato a su madrastra.
Sin escopeta no entro al bosque, dijo Caperucita,
después que el lobo la siguió por primera vez.
(Su abuela nunca abría la puerta sin asomarse antes)
Piel de Asno se atrevió a denunciar el incesto de su padre.
La Sirenita no murió de amor. Tampoco se ilusionó
con que un príncipe se casaría con ella.
Cuando la Bella conoció a la Bestia, lo quiso tal cual era,
sin esperar milagros de ninguna clase. 
Ricitos de Oro ni se atrevió a probar la sopa;
los osos la habrían devorado de inmediato.
La Princesa del Guisante no aceptó dormir
sobre tantos colchones, y les gritó que si dudaban
de su linaje, se fueran todos al infierno.
Alicia jamás viajó al País de las Maravillas
y la Bella Durmiente se acostó, aburrida,
porque nunca le permitieron hacer lo que quería.
Estos son los cuentos, hija mía.
La vida se encargará de contártelos.



23 commenti:

  1. Ahaha, praticamente lo stravolgimento femminista delle fiabe XD
    Un abbraccione!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stravolgimento di tutto, proprio tutto.
      Femminista? Tu dici?
      Ciao Moz

      Elimina
  2. meraviglia ^_^
    grazie della condivisione, prendo nota.
    ciao Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. accidenti, non ricordavo l'autrice ma QUELLA poesia...me la ricordo e non ci crederai, la feci stampare su bella carta
      d'amalfi, pregiatissima, incorniciata e regalata al 18 anno della figlia di una mia cara amica (insieme ad altro regalo ovviamente) ma lei ne ha apprezzato il senso e la tiene caramente esposta nella sua camera.Adesso devo assolutamente comprare il libro di questa straordinaria poetessa. grazia ancora :)

      Elimina
    2. Sono felici ti sia piaciuta, Questa scrittrice è davvero interessante.
      Un carissimo saluto Cara S.

      Elimina
  3. Eh già. Per mistificare la realtà basta una fiaba.

    RispondiElimina
  4. In fondo ci si accorge (forse) tardi che la vita non è una favola.
    Però è bello riuscire a viverne qualcuna ...durante la vita!
    Ciao Carla.
    E' bello rileggerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a volte ci vogliamo indorare le pillole che dobbiamo ingoiare, viviamo tante favole durante la nostra vita. Meglio non illudersi troppo però,
      Ciao Pino, grazie dei tuoi passaggi

      Elimina
  5. Già, in fondo è proprio così..la dura realtà ci porta coi piedi per terra e ci si accorge che le fiabe sono tutt'altra cosa.. ma la vita non è una fiaba..anche se è bello ogni tanto sognarlo....Ciao Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta non farsi troppe illusioni e vivere con i piedi per terra raccontando le fiabe giuste.
      Vero?
      Un caro saluto Stefyp

      Elimina
  6. Io nonostante tutto....credo ancora nelle favole! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo so ... lo so... cara Benny.
      Tu sei una favola bellissima!

      Elimina
  7. Le favole piacciono soprattutto a chi le racconta e non c'è niente di male in questo, basta solo precisarlo a chi ascolta.
    Le favole che conosciamo sono spesso edulcorate,, nella penna di chi le aveva scritte c'era un finale crudo, come sa esserlo talvolta la vita.
    Però è sempre bella la vita.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco è proprio questo il punto, la vita è sempre bella e Daisy la racconta proprio giusta
      Un carissimo saluto cara Sari

      Elimina
  8. Applaudo a queste giuste correzioni, ma con un'eccezione: Alice non me la tocca nessuno. Ciao Carla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok non te la tocca nessuno anche perchè tutti quanti noi viaggiamo già nei paesi delle meraviglie.
      Ciao Silvia !

      Elimina
  9. adoro!!! è davvero spettacolare !!!
    a presto e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Daisy Zamora mi piace un sacco.
      Ciao Audrey, a presto!

      Elimina
  10. Mi ha fatto venire in mente "Le principesse di Emma" (Emma Dante), meravigliosa reinterpretazione di alcune fiabe classiche. Brava Carla! E brava Daisy ovviamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altra scrittrice davvero creativa.
      Un carissimo saluto Cri

      Elimina
    2. E' vero Emma Dante, l'avevo rimossa...perdonatemi, vi rubo il pensiero :)

      Elimina
  11. Bellissime reinterpretazioni molto adatte al periodo in cui viviamo. :-)
    Felice fine settimana
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.