martedì 8 dicembre 2015

NIENTE

...e se invece ci ricordassero così?


Tratto da


*carlafamily*

24 commenti:

  1. Un libro molto importante, Carla. Grazie di averlo segnalato.

    RispondiElimina
  2. Una lettura da fare senz'ombra di dubbio.

    RispondiElimina
  3. Cara Carla, come vedi il vento delle feste di Natale mi ha riportato tra di tutti voi, e spero di restare ancora a lungo.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo e noi siamo felici di averti qui nei nostri blog.
      Un caro saluto

      Elimina
  4. Grazie Carla.. E bentornata! Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Chiara.
      Vado e vengo in continuazione
      Ciao

      Elimina
  5. Ottimo spunto per una buona lettura.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, direi che è davvero interessante
      Ciao Cavaliere

      Elimina
  6. Una frase stupenda...per essere ricordati.
    Questa definizione poi, credo sia il massimo della tenerezza umana "...cercava di essere il sorriso di quelli che piangono."
    Ciao Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero è una frase davvero tenera e forte nello stesso tempo anche se ha quel non so che di struggente.
      Un caro saluto

      Elimina
  7. Essere il sorriso di quelli che piangono è la più alta e generosa forma d'amore e,a pensarci, spaventa l'impegno. Mi segno il libro, non lo conoscevo.
    Ciao cara Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un grandissimo impegno. Ogni forma di generosità è un impegno-
      Ciao Sari

      Elimina
  8. Invidio chi sa esternare anche con le parole, in modo semplice e conciso, un sentimento sublime come questo.
    Felice giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io invidio chi sa esternare con poche parole i sentimenti.
      Un caro saluto a te

      Elimina
  9. Lo cerco perché penso che sia veramente interessante. Purtroppo l'odierno egoismo e la crisi fanno oggi dimenticare chi non ha niente. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è proprio così, ci si dimentica di chi ha niente forse non ci si interessa neppure di loro, nemmeno si sa se esistono. Si dubita quasi della loro esistenza.
      Ciao Elio!

      Elimina
  10. Quando manca tutto il niente è tutto, e il niente acquista valore, e vediamo cose che prima non vediamo...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Com'è vero quel che hai scritto, il niente che acquista valore, alla fine è proprio così, paradossale ma decisamente vero
      Ciao Moz

      Elimina
  11. bellissimo e struggente pensiero e, come dice una tua commentatrice, una prova di grande amore.
    Potrebbe essere un bel libro da regalare a molti.
    grazie Carla
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo sono regalato, quella parola mi così colpita...
      Ciao S.

      Elimina
  12. L'avevo letto e continuato a parlarne per giorni. Sì, se ci ricordassero così sarebbe solo un onore! Un abbraccio Carla

    RispondiElimina

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.