Passa ai contenuti principali

Breviario tedesco - Bertold Brecht

Quando chi sta in alto parla di pace
La gente comune sa 
Che ci sarà la guerra
Quando chi sta in alto maledice la guerra
Le cartoline precetto sono già compilate
Quelli che stanno in alto 
si sono riuniti in una stanza
Uomo che sei per la via 
Lascia ogni speranza
I governi
firmano patti di non aggressione 
Piccolo uomo
firma il tuo testamento
Sul muro c'era scritto col gesso
vogliono la guerra 
Chi l'ha scritto 
è già caduto.







Commenti

  1. Ciao Carla e da ieri che provo a connettermi finalmente oggi ci sono riuscito dove mi trovo in montagna ho un segnale scarsissimo.
    Condivido con te il breviario che ai pubblicato lette così sembrerebbero delle barzellette ma purtroppo sono crude realtà, complimenti per il coraggioso blog che ti rende unica e inimitabile
    un forte e amichevole abbraccio

    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte per definire questo blog coraggioso, mi fa davvero piacere.
      Quesa citazione purtroppo è attualissima .
      Ciao e a presto

      Elimina
  2. Risposte
    1. Verissimo, lo penso anch'io. Ed anche estremamente moderna.
      Ciao Patalice

      Elimina
  3. L'amara ironia della verità, che purtroppo è sempre tragicamente attuale:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sento molto amaro sarcasmo in quelle parole....
      Una tragica ironia appunto
      ciao, a presto!

      Elimina
  4. Cara Carla, è triste ammettere che quel breviario rappresenta ciò che abbiamo passato.
    Speriamo che ciò non avvenga più.
    È una speranza che deve resistere sempre.
    Un abbraccio forte con una buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è molto triste perché non è storia tanto antica ed alcuni portano ancora i segni.
      Un caro saluto Tomaso

      Elimina
  5. Risposte
    1. Si, dei nostri giorni e della nostra storia, quella che abbiamo ascoltato dalla viva voce di chi l'ha vissuta.
      ciao Moz

      Elimina
  6. mamma mia Carla... voglio pensare in modo diverso.
    senza nulla togliere alla bellezza ed alla profondità della poesia, voglio e devo insegnare alle mie figlie che la vita è speranza.
    altrimenti cosa sto a fare accanto a loro?
    un abbraccio
    chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente SI, la vita è speranza ed anche molto di più. Senza quella saremmo completamente appassiti.
      Ciao Chiara.

      Elimina
  7. bellissime parole !!!
    ah, un mondo migliore servirebbe per davvero ;)
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccome se servirebbe, queste parole dimostrano davvero che ne avremmo un gran bisogno.
      Ciao Audrey

      Elimina
  8. Mio Dio, è angosciante pensare quanto siano vere le sue parole! Mi trasmettono un senso di impotenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vere, attuali, sembrano scritte soltanto ieri. Hai centrato Ambra:Angoscia ed impotenza.
      Ciao, a presto!

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily