Passa ai contenuti principali

Progetto in vista,

Sensibilità, concezione un  po' troppo estesa oggigiorno? Non lo so, non ne ho la più pallida idea so soltanto che è la pratica che conta, tutti sono capaci a considerarsi 'sensibili', ma lo sono davvero tutti? Nutro fortissimi dubbi su questo. Pensando a questa parola mi viene in mente un chirurgo, devo averlo letto da qualche parte e so che mi ha colpita molto se ancora lo ricordo. Un errore di meno di un milionesimo di millimetro di incisione potrebbe provocare un'emoraggia, ma con maestria e concentrazione il bravo chirurgo non provoca alcuna perdita.
Quante volte usiamo le parole come bisturi? Quasi mai! Se ci concentrassimo sulla gentilezza riusciremmo a raggiungere la sensibilità delle persone viceversa incidiamo così profondamente da ferire fin nel profondo dell'animo provocando ferite a volte insanabili.
Sono felici davanti a una fotocamera
Le loro strade, le loro case




I loro giochi









I loro lettini
La loro strada principale e le bancarelle
Sempre la loro  strada principale con le bancarelle
Le loro tortillas
I loro compiti




Si va al lavoro (tanto giovani e tanto anziani, tutta una vita)
Descanso
Perchè una premessa come questa?
Ora io non voglio ferire o anche solo sfiorare la sensibilità di alcuno ma molte volte mi giungono alle orecchie frasi come questa: "Non raccontarmi nulla di quel che vedi altrimenti ci sto troppo male", oppure: "Basta basta non parlare più altrimenti questa notte lo sogno" o ancora " meglio non pensarci" e poi "per carità, parliamo d'altro...".
Chiaramente nella mia vita ho molti interessi, ho una lista di argomenti che se non è infinita è comunque vastissima, quindi nel mio menù di argomenti non parlo sempre dello stesso.
Stop un attimo, cosa vedo? di cosa parlo? come parlo?
Semplicemente, come tutti credo,  parlo di ciò che vedo e vivo, mi barcameno tra l'udire e il saper ascoltare, cammino in punta di piedi  in una realtà che purtroppo per molti è sconosciuta quindi devo usare molta prudenza e non essere troppo istintiva. In questa realtà però io posso andarmene quando voglio ma c'è chi non può scegliere, qui vive e qui deve restare. Ogni sogno è negato anche il più piccolo. Sogni in gabbia. Son pur sempre sogni ed è pur sempre una gabbia. 
Ci sono piccole idee però che per i giovani che conosco qui in Nicaragua sono grandi idee. Uno spazio di vita di piccolissima notorietà quanto può essere incredibilmente importante per loro!  
Non posso fare nulla per cambiare la realtà di queste paese, non sono venuta qui per questo, lo so, ma ho avuto un'idea e vorrei nel mio piccolo realizzarla senza essere zittita come purtroppo molti, per non turbare la propria sensibilità, fanno. Vorrei dare voce a questi giovani e meno giovani. Desidererei dar loro uno spazio per parlare di questo paese. Gliel'ho chiesto ed hanno condiviso pienamente.

 
Quindi avrei disposto che ogni tanto una o uno di loro scriva in relazione ad un argomento sul Nicaragua, storico, letterario, leggenda, vita vissuta, quel che loro stessi stabiliscono, ma la cosa che apprezzerei sarebbe incontrare  persone disposte ad ascoltare i loro racconti. Disposte semplicemtente a leggere. Niente di più! Tutto qui! Ogni tanto si farà avanti uno di loro e .... racconterà qualcosa! Non so cosa, con il  mio aiuto avranno solo una traccia ma saranno loro stessi a raccontarsi o a raccontare la loro terra, il loro paese, la loro gente, la loro storia e la loro cultura.
Saranno felicissimi di vedere pubblicato il loro articoletto su...... internet. Dopo aver pubblicato il loro post ci faremo una riunione speciale per condividerlo e, perchè no, condividere anche i vostri commenti.

Tornando alla sensibilità di cui sopra, sappiamo tutti che sensibile vuol semplicemente dire che si reagisce anche ai piccoli stimoli, il campo è vastissimo, ma interiormente sarebbe bellissimo se per questa volta ci lasciassimo toccare e trascinare dalla loro stessa sensibilità, dai piccoli stimoli che possiamo dare noi a loro e non considerarci troppo sensibili ponendoci in primo piano al punto di non voler ascoltare.
Nicaragua, la prostituzione minorile dilaga
E i clienti sono considerati benefattori
repubblica.it
Il Nicaragua è tra i paesi più poveri del pianeta: il 75% della popolazione vive in condizioni di povertà. Tra questi, sono migliaia i minori che vivono in uno stato di emarginazione sociale e fuori dal sistema di istruzione, vittime del lavoro minorile e dello sfruttamento sessuale

Credo che la sensibilità sia una delle cose più belle ma può diventare pericolosa quando chiude la bocca a una grossa fetta di umanità.
Purtroppo ho conosciuto persone infime che dicevano di se stessi di essere sensibili. Sicuramente questo ci sconvolge ma chi è profondamente sensibile non si turba ascoltando quella parte di umanità a cui non viene data voce.
Facendo questo io mi sento bene anche se a volte ascoltando e vedendo ciò che mi circonda provo una stretta al cuore di intenso dolore (sensibilità?) non voglio più voltarmi e fingere che non esistano, soprattutto so che si sentono bene loro, quei 10 o 15 giovani a cui viene mostrata un po' di empatia e considerazione.
Io sono pronta, partiamo?
(questa "strada" è una crepa del terremoto, lungo il percorso ci sono villaggi, chi non ha casa si costruisce una baracca anche qui)
Care bloggers siete invitate nei prossimi giorni a leggere e, se volete, a commentare i "post di questi giovani". Vi aspettiamo!
Hasta pronto, entonces!

Commenti

  1. Aspetto con ansia i racconti delle ragazze.... e loro anche...sono tutte in fermento.... presto verranno pubblicate.....sono emozionatissime!!!! La sensibilità è, secondo me, una cosa molto intima, purtroppo, come scrivi tu, capita di scambiare per sensibile una persona che non lo è e viceversa...credo che solo il tempo (tanto tempo) lo possa dimostrare...
    p.s. anche io sto preparando qualcosina con le girls....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sono davvero emozionate, non vedono l'ora. So che stanno già preparando, mi fanno tantissime domande, vedremo. Mi raccomando segui il tuo programma con le girls! Adesso vengo a fare colazione, ciao ciao!

      Elimina
  2. Carla, che idea magnifica, ho dovuto trattenermi e impormi di leggere tutto il post prima di scriverti perchè , se ascoltavo il cuore, nemmeno finivo di leggerlo e correvo a dirti che sei GRANDE. Hai avuto l'idea delle idee , un idea che fa bene a tutti ai tuoi ragazzi che possono imparare a raccontarsi e a confrontarsi e anche a tutti noi che ti seguiamo e che, è vero, a volte con la scusa della nostra sensibilità ci voltiamo dall'altra parte. Qui tu ci prendi la mano e ce le fai toccare le cose. E poi fa bene anche a te che dai tanto a tutti: ai ragazzi che stai seguendo lì in Nicaragua e anche a noi quando ci racconti e ti sforzi di farci capire una realtà così diversa dalla nostra Grazie Carla, noi che ti leggiamo dalle nostre comode case non possiamo far altro che ringraziarti! Altro che dire? Le foto, nella loro cruda realtà, sono magnifiche e dolorose nel contempo, sei riuscita a dirci tante cose con quegli scatti. Aspetto con ansia che questo progetto prenda il via e credo che anche gli altri lettori condividano le mie considerazioni, anzi chiedo scusa a tutti se in questo commento ho parlato al plurale, A presto Carla, un grosso bacio, Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui i giovani sono felici, a voce mi stanno già dicendo o chiedendo se questo o quello andrà bene, stanno cercando l'argomento più accattivante, sono meravigliosi!
      Sì, a me fa molto bene, che dire? Io qui sto bene nonostante tutto questa povertà. E' paradossale: la povertà mi rende ricca senza un soldo. Incredibile!

      Elimina
  3. Ecco....io non l'ho ancora letto tutto....non ho resistito!!!! Certo, certo che verrò a leggere le storie che racconteranno i tuoi amici!!!!! Con molto piacere!!!!! Poi torno con calma a leggere tutto!!!!! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ste, vedrai che non sarai delusa, ogni giorno questi giovani mi danno tantissimo con la loro semplicità. Nulla di materiale. Per esempio questo li rende felici anche se non ne ricaveranno nulla. Sapere che possono toccare virtualmente un altro mondo da loro felicità.

      Elimina
  4. Ci sono anch'io Carla. La tua idea mio sembra fantastica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Audrey, bellissimo che ci sei! Insieme conosceremo cos'hanno da dirci questi grandi e giovanissimo "personaggi". Vedessi come sono in fermento! Sarà un post a settimana però, dovranno pazientare. Ciao carissima Audrey!

      Elimina
  5. Una bella iniziativa, complimenti. Ho letto tutto l'articolo, e sono sicuro di una cosa: la tua sensibilità è estrema. Non bisogna vergognarsene, anzi, bisogna andarne fieri, anche se tale sensazione è una lama a doppio taglio: ci sono persone che sfruttano la sensibilità degli altri per i loro fini, senza che noi, purtroppo, ce ne accorgiamo in tempo. Attendo con ansia che tale iniziativa sia realizzata. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vincenzo di essere passato di qui. Infatti credo che la sensibilità venga molto spesso strumentalizzata anche per i più bassi e infimi fini.

      Elimina
  6. Sicuro leggeremo con piacere i racconti, le storie, i sogni di questi ragazzi.. e un po' ci si sente piccoli davanti ai problemi di qua poi invece loro, nonostante tutto, che bei sorrisi per una semplice foto... la cosa più bella che potremo imparare dalle loro storie è a guardare il mondo in una maniera diversa, con occhi davvero sensibili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi colpisce ogni giorno sono proprio questi sorrisi, questa gran voglia di sapere, incontenibili a volte.
      Purtroppo ci sono anche quelli che sanno sorridere ne con occhi ne con labbra, immediatamente comprendiamo il perchè e questo ci strazia. L'importante però è non voltarsi. Sorriderà anche chi ora non sorride, se ci fermiamo ad ascoltare.
      Ciao Domenico è sempre un piacere vedere che passi di qua.

      Elimina
  7. So quanto le nostre ragazze siano felici di quest idea! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata tu a farmele conoscere tutte e ora anche quanche piccolino. Tu e tuo marito avete fatto molto e ancora lo state facendo, sto seguendo la vostra scia. Ti voglio bene!

      Elimina
  8. ciao Carla, lieta di conoscerti!
    grazie prima di tutto per essere passata da me... il tuo blog è davvero particolare ed interessante, merita di essere visitato con calma ed attenzione... torno presto!
    complimenti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, questo mi rende felice. Vi presenterò, virtualmente s'intende, ai giovani di qui. Potranno usare il mio computer (ommammamia) una volta a settimana per spaziare tra i blog, i miei naturalmente, quelli che ho nella lista "...del mio cast"..
      A presto!

      Elimina
  9. Hai ragione tu!!!
    la gente che non vuole sapere, non vuole vedere, non vuole conoscere vive nella codardia e si trastulla nel pensiero che le cose che sono lontane non importano...
    NO! bisogna sapere, bisogna capire :) complimenti davvero!!!!
    c'è un premio per te sul mio blog!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene "si trastulla". Paradossalmente si pensa che stando a contatto con queste realtà ci si senta tristi e sfiduciati, in realtà avviene il contrario. Non possiamo cambiare il mondo però possiamo fare esplodere un sorriso su un viso che da sempre non sorrideva. Questa è per me la felicità.
      A presto Esmeril!

      Elimina
  10. Ciao Carla, anch'io ho un premio per te, ti aspetto Antonella

    RispondiElimina
  11. Che tristezza!!! :'( Io non so se definirmi una persona sensibile... So solo che a volte per non ferire gli altri acconsento al loro volere, senza oppormi o esprimermi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Elisa, sono molto contenta che sei venuta da "queste parti".
      Provo tristezza per tutti quelli che non vogliono ascoltare o vedere e si nascondono dietro alla sensibilità.
      Io ho imparato che chi è sensibile, davvero sensibile, non si volta ma sorride e si avvicina sempre più al dolore di queste vite.
      Credimi, si ha moltissimo in cambio! Qualcosa che non cambierei con nulla al mondo.
      A presto Elisa!

      Elimina
  12. Adesso invito i miei lettori a leggere questo post!!

    RispondiElimina
  13. Anche io come Antonella penso che le foto che hai pubblicato valgano più di mille parole e ci facciano entrare nel tuo mondo, però le foto non parlano dei sogni e delle speranze, che non vedo l'ora di leggere, raccontate dai protagonisti.
    Davvero complimenti per l'iniziativa, e se la sensibilità porta a questo allora sia la benvenuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo a TUTTI scusa per il ritardo con cui rispondo ai vostri sempre graditissimi commenti ma in questi giorni non ero in casa e non avevo la connessione internet.

      Spirulina sono contenta di riverderti nel mio blog.

      Elimina
  14. Splendido post in uno splendido blog!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto qui da me, spero di non deludere le aspettative. I giovani qui non vedono l'ora di raccontare.

      Elimina
  15. E' un'iniziativa bellissima, vi leggerò molto volentieri.
    Hasta pronto, allora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come avrai letto non ho potuto rispondere perchè ero davvero lontana da qui e quindi snza internet. Ti aspetto sempre qui!

      Elimina
  16. E' bellissimo posto, grazie per averci fatto sapere una realtà con queste foto...

    RispondiElimina
  17. Condivido pienamente la tua idea di sensibilità.
    In giro è pieno di struzzi, che per comodità mettono la testa sotto la sabbia.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, verissimo, gli truzzi danno davvero l'idea. Sono davvero contenta Arianna che sei passata di qui, spero quindi che ritornerai.

      Elimina
  18. Ciao....mi spiace scrivere una cosa così futile in un post così utile.....ma ti ho coinvolta in un gioco, passa da me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Ste ma che stai dicendo? sono felice di essere coinvolta in un gioco. Passo di corsa da te appena rientro, sto uscendo, qui sono le 8 del mattino e da voi le 16.00, quindi quando tornerò credo che voi in Italia starete dormendo..... dai che bello, so che quando rientrerò avrò un giochino da fare.
      Grazie Grazie grazie!

      Elimina
  19. Se dai voce a queste persone ci arricchisci sicuramente. E' solo incontrando lo sconosciuto che si cresce. E chi non vuole o non può ascoltare, farà altro.
    Complimenti per il tuo blog: sincero, vitale e vero.

    RispondiElimina
  20. Benvenuto Giorgio in questo blog che è solo un sussurro rispetto a tutte le persone speciali che incontro tutti i giorni qui.
    Sono molto belle le qualità che hai citato per il mio blog.
    Grazie!

    RispondiElimina
  21. Mi sono fatta coinvolgere dalla curiosità di sapere cosa era il progetto di cui parli nel post del 21-7 ed eccomi qua....adesso vado subito a leggere i post delle ragazze....vado e leggo subitoooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  22. Progetto interessante. Non bisogna chiudere gli occhi, anzi aprirli bene e aprire la bocca e la penna per parlarne. Ho lasciato un pezzo di cuore là (non in Nicaragua perchè non ci sono mai stata ma nella Rep. dominicana), quei bambini, quei giovani sono sempre fra i miei pensieri. Vengo a leggere i sogni dei ragazzi con molto piacere e ti comunico tutta la mia ammirazione e il mio appoggio!

    RispondiElimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Una vera donna (SnoopyMania)

Pensiero di fine settimana