Passa ai contenuti principali

Jan Davidsz De Heem (1606 - 1683)

SILVIA  HA INDIVIDUATO L'ARTISTA
dopo il mio POST relativo ai
TRADUTTORI

ECCO IL DIPINTO COMPLETO




 




Rivediamo lo stesso strumento, gli stessi manoscritti, cambia il tavolo e non c'è il calamaio



Il calamaio ora è sulla destra, non c'è lo strumento

******************************

Jan Davidsz de Heem, uno dei più grandi artisti barocchi di nature morte, nasce ad Utrecht nel  1606, in una famiglia di calvinisti emigrati dalle Fiandre cattoliche e vive parte della vita in Olanda e in parte nelle Fiandre.
A quell'epoca le guerre religiose influenzarono anche il campo artistico: la Riforma Protestante aveva creato le condizioni per uno sviluppo di una nuova iconografia che privilegiava le nature morte.
 
Composizioni cromaticamente raffinatissime di antichi codici, simbolo della "vanitas" della vita degli studiosi.
Le nature morte, prodotte nel Seicento nei Paesi Bassi, si differenziano generalmente da quelle italiane e francesi, per un simbolismo ben codificato, nascosto apparentemente fra i vari oggetti rappresentati.
Per questo motivo, ogni cosa dipinta, ha uno o più significati, che svelano il messaggio morale o religioso nascosto.
Così, dipinti che rappresentano dolci e vivande, alludono al mistero della fede; i cesti di frutta, alla caducità dell’esistenza e alla sua continua inclinazione verso il male; i dipinti floreali, alla morte e resurrezione e libri e strumenti musicali sono l'icona delle "Vanitas vanitatis", vanità delle vanità del sapere.
 
Per saperne di più: Settemuse

Purtroppo cara Silvia qui da me non si vince niente ma hai tutta la mia stima!

Commenti

  1. La stima è reciproca! Mi piace tanto questa tua voglia di approfondire, di non fermarti alla superficie delle cose.

    RispondiElimina
  2. Ciao,
    ma che bel post,io amo l'arte e con queste immagini mi hai deliziata...
    bellissimo post!!!
    Buona giornata kiss

    RispondiElimina
  3. bene!! avevo fatto anche io la ricerca ma niente..
    adoro queste scoperte curiose!!

    RispondiElimina
  4. che bello trovare post sull'arte... sui quadri... è un po' come visitare un museo!! io ad esempio questo pittore non lo conoscevo... :)
    P.S. bellissima bellissima la foto con te e le tartarughine!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Carla, scusa questi ritardi nello scrivere e scusa forse ho anche tralasciato qualche post. E' quasi un mese che vado avanti ad antibiotici e adesso sono proprio a terra e inizio a perdere qualche colpo. Scusami tanto. Bellissimo questo quadro, anch'io non lo conoscevo anche se è un soggetto su cui l'anno scorso sono stata parecchio tempo perchè volevo decorare il pannello di una porta. Ti mando un grosso abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Una vera donna (SnoopyMania)

Pensiero di fine settimana