mercoledì 29 agosto 2012

El Gallo Pinto, Dilcia mi spiega una ricetta Nica


In Nicaragua ci sono molti piatti tipici, ogni regione ne ha di svariati, bevande e dolci che con il passare del tempo si sono sparsi in tutto il paese. La particolarità dei piatti Nicaraguensi è che sono tutti di carattere nazionale.
Così mi ha spiegato la mia carissima amica Dilcia che mi ha parlato del piatto che i nicaraguensi hanno sulle loro tavole tutti i giorni a colazione, pranzo e cena. Volendo essere precisa (lo spero) mi sono presa degli appunti e Dilcia è stata felicissima di aiutarmi camminando camminando, parlando parlando e cucinando cucinando.
Ecco "El Gallo Pinto" (per gli italiani che leggono si pronuncia "Gaio pinto") così come me lo ha spiegato Dilcia.
Questo piatto che è davvero un simbolo nazionale è l'alimento
base per tutti i nicaraguensi ed è una ricetta composta da un miscuglio di riso fritto con cipolla, chiltoma e fagioli rossi. La Chiltoma è un peperoncino dolce e ricco di carotene, vitamina C e minerali.
I nicaraguensi ci tengono molto a specificare che i fagioli devono essere proprio quelli coltivati in Nicaragua poichè, per questo loro piatto, sono i migliori. Riso e fagioli si  devono poi mescolare bene tra loro e si continua a cuocerli insieme.
Sicuramente ci sono svariati modi di cucinare il Gallo Pinto ma vi garantisco che in qualsiasi modo ed ogni volta ho scoperto il suo sapore  davvero gradevolissimo. Sarà perchè io lo mangiavo una volta ogni tanto, però anche i nicaraguensi oltre ad andarne fieri lo apprezzano moltissimo pur mangiandolo tutti i giorni.
Al mattino camminando per le strade di Juigalpa si vedono le donne che nelle loro case preparano questo piatto che accompagnano quasi sempre con le tortillas altro alimento base per i nicaraguensi. Molte di loro preparano le tortillas di mais per la loro famiglia ma anche per venderle e trasformarle quindi in una fonte di guadagno.
E' un lavoro molto duro poichè prima bisogna andare a prendere il mais, macinarlo e poi lavorarlo fino a farlo diventare una massa consistente per formare poi le tortillas che a parer mio solo loro sanno fare così belle rotonde. Per tutte queste ragioni le donne si svegliano prestissimo (anche alle 4 della mattina), macinare il mais, preparare la massa con acqua che molte volte, soprattutto nei villaggi, bisogna andarla a prendere nei pozzi con i secchi
Il compito di portare il mais a  macinare e andare a prendere l'acqua è affidato, oltre che alle donne, per lo più ai bambini.
****************************

Fagioli rossi Nicaraguensi

Riso

Quanta forza hanno le donne Nica?
Qui verranno riposti i fagioli ed il riso
Chiltoma

Nel frattempo si preparano anche le tortillas, queste come el Gallo Pinto non mancano mai

Donna che porta il mais per le tortillas


Qui si preparano e si vendono tortillas
Tortillas in tavola

Avrete capito che questo piatto a me piace moltissimo, per questa ragione la sorpresa che mi ha fatto Dilcia prima di partire è stata proprio el Gallo Pinto.

Ora mi pare già di sentire alcuni dire "ma è un banale piatto di riso e fagioli, che sarà mai di così particolare?"
Fidatevi!
Non è solo un piatto di riso e fagioli è........ è..........è........... El Gallo Pinto!


****************
Altri modi di preparare il Gallo Pinto

Gallo Pinto con Maduros e queso (all'aereoporto di Managua prima di prendere il volo per l'Italia, io però ci ho anche aggiunto l'uovo...)



Gallo Pinto con Uovo e Tortilla



Gallo Pinto accompagnato con Cuajada (parte grassa del latte)

************************

Dall'Italia un salutone a Dilcia e... grazie, era davvero squisito!
Alla prossima...

16 commenti:

  1. Ciao,
    ma sai che conoscevo la ricetta,ma non sapevo si chiamasse cosi. Quante cose imparo sul Nicaragua grazie al tuo blog ;)
    Ora , finalmente sò il vero nome di questo piatto, solo che ero convinta che fosse messicano,non sò perchè,ma avevo questa stupida convinzione. ahuahuahuahua...
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo molto riesco finalmente a rispondere ancora ai vostri commenti e ne sono felice, ho avuto un problema credo tecnico e non potevo più rispondervi. Speriamo sia tutto regolare ora.
      Ciao Audrey, Il riso con i fagioli è una ricetta tipica dei popoli latini, nello specifico, il Gallo Pinto, diciamo che se lo contendono il Nicaragua ed il Costa Rica, chissà la storia a chi dà il merito. Anche il Messimo ha un piatto come questo, dal Messico fino a qui e anche fino al Costa Rica todo se parece mucho.

      Elimina
  2. come sempre passare di qui fa aprire gli occhi su un mondo che solitamente non conosciamo. una meraviglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tantissimo Audrey, hai ragione il Nicaragua poi non lo conosce nessuno...... o quasi nessuno.
      Ciao Ciao!

      Elimina
  3. Buonissimo! Magari non a colazione...
    Comunque è incredibile, qui cucine ipermoderne e frigo strapieni, lì donne che si alzano alle 4 per macinare il mais.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, due realtà agli antipodi. Hai visto le loro "cucine"? i loro mestoli. Noi facciamo la serata barbecue nel giardino di casa (per chi ha il giardino) o al pic-nic e ci gasiamo un sacco. In Nicaragua tutti i giorni è un barbecue, è sempre un'avventura accendere il fuoco e cucinare. La cucina componibile? cos'è? Il forno ventilato, le 4 piastre nel fornello, la cappa aspiratutto?
      Eppure che orgoglio hanno quando mostrano le loro pentole dove cucinano il Gallo PInto. Le nostre batterie di pentole antiaderenti e a doppio fondo a volte non le sappiamo neanche usare. Altro mondo! Scomodo, per noi!
      Ciao silvia.

      Elimina
  4. Sembra molto delizioso... con riso, fagioli rossi e peperoncini...sicuramente mi piacerà... ma se penso alla fatica delle donne di Nicaragua...
    Ora sei tornata in Italia?

    RispondiElimina
  5. Ecco un altro pezzo di puzzle del Nicaragua, questo è quello che più mi piace, il cibo racconta tutto di un popolo, e anche questo spaccanto ci parla di dignità, semplicità e gioia.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Spirulina, uno spaccato davvero semplice e che racconta molto. Ci saranno altre ricettine Nica in futuro.
      A presto.

      Elimina
  6. Che bello conoscere anche questi aspetti per imparare su di loro e di queste peculiarità dei cibi e usanze.
    Ciao Carla, tutto bene? Scusa la latitanza, sono stata senza pc.
    Vedo che tu come sempre, ci allieti con i tuoi
    Post e insegnamenti.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare cara Vaty, la mia latitanza dal pc va e viene. Sembra che il tempo si sia accorciato e le cose da fare allungate.
      Comunque bentornata nel ondo delle bloggers!
      Ci si scrive presto.

      Elimina
  7. E' vero di quel paese si conosce solo il nome, almeno per me è così, ed è estremamente interessante scoprire di più attraverso la tua testimonianza. Anche la cucina può essere di curioso interesse proprio perché è diversa dalle nostre abitudini. Un abbraccio cara Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un piacere far conoscere questa gente, ma c'è molto molto di più. Un grande saluto cara Tiziana!

      Elimina
  8. com'è bello scoprire piatti tipici di altre nazioni... viaggiare è anche qsto!! chissà assaggerò mai qsto piatto.. spero di si!! cmq è vero... da ammirare le donne Nica.. hanno 1forza incredibile... (e, mi ripeto, sono poi anche molto belle :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza, dignità e semplicità... davvero una forza. Bentornato domenico. Eh lo so che sono proprio carine, anzi carinissime.
      Un caro salulo!

      Elimina
  9. hhola carlita soy faber de juigalpa
    espero esten super bene...............!!!!!!!!!!!!
    cuidense muchos
    siempre reviso tu blog pero nunca lo puedo pasar al español
    podrias decirme como lo traduzco al a mia lingua...................

    RispondiElimina

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.