Passa ai contenuti principali

Chi lo ha detto che i prematuri...........?

Domenica 17 Novembre era la giornata internazionale dei prematuri ed io ero concentrata su altre cose quindi arrivo in ritardo parlando di un tema che mi sta molto a cuore e che ho vissuto stretta alla mia famiglia in prima persona.
Non è mai troppo tardi però!


Vorrei dire molte cose riguardo a quell’esperienza difficile. Tutti in famiglia, comunque, l’affrontammo con molta serenità, o almeno così cercammo di far credere, senza lasciarci influenzare da antichi e sciocchi preconcetti che ci rifilavano ogniqualvolta vedevano il nostro piccolino nato prematuramente.
Ma non c’è niente da fare la preoccupazione entra nella testa  e le domande restano
Quell’8 agosto entrò nella nostra vita quella minuscola creatura che vedevamo respirare in quell’incubatrice così grande da far sembrare quel corpicino quasi perso. Flebo infilate dappertutto, sondino al naso che portava una sorta di cibo aquel piccolissimo stomaco.
Tempi duri, difficili, tutta la nostra fragilità era esposta alla vita.
Quando tutti se ne andavano io restavo lì con quel fagottino che  aveva cambiato totalmente la mia vita.
Da quel momento in poi capii che le cose sarebbero sicuramente andate diversamente, la vita stessa assunse un altro significato. Ogni suo respiro sarebbe stato un mio sussulto.
Non potevo credere che il mio bambino fosse lì dentro, così piccolo e così lottatore, quanto duro lavoro stava già compiendo ed io non potevo fare nulla.
Potevo dare il mio appoggio, tutto il mio appoggio a quella meravigliosa creatura? Ci sarei riuscita? Ma non era tutto, a casa c’era un’altra meravigliosa creatura che con impazienza aspettava il suo fratellino, ogni volta che la sentivo al telefono trasmetteva così tanta gioia e così tanta forza  che tutti i dubbi che mi assalivano si dissolvevano improvvisamente.
Incontrando altre mamme che avevano avuto il loro bimbo allo scadere del nono mese  e che lo tenevano amorevolmente in braccio mi sentivo come se io avessi sbagliato qualcosa, come se il mio bambino fosse nato prematuramente per chissà quale errore avessi commesso. I loro bellissimi bimbi paffuti erano un rimprovero per me che mi sentivo meno mamma di loro.
Tutti credevano di sapere o comprendere lo stato d’animo ma non era così e lo dimostravano le tristi e a volte patetiche frasi che si pronunciano in queste circostante, appunto frasi circostanziali e niente più. Nessuno poteva comprendere pienamente ciò che stavamo vivendo, il dolore di non poter tenere tra le braccia il nostro  piccino, non poterlo allattare nonostante il tiralatte che mi ostinavo a usare al punto di farmi un gran male. Quanti silenzi rotti solo dal suono della mia voce che cantava attraverso il foro dell’incubatrice. “Questa è la mia voce piccolo mio, la voce della tua mamma”,  non so se si può comprende.
Come si può comprendere quanto è difficile trasmettere tutto il calore e l’amore possibile quando puoi toccare il tuo bimbo solo con un dito e vederlo lottare da solo senza poter far nulla?
Seduta su una scomoda sedia per innumerevoli notti d'ospedale, il silenzio di quelle notti, un silenzio rotto solamente dal suono di quegli straordinari macchinari con un nome che al solo pronunciarlo incute un certo timore, senza più ricordare cosa volesse dire dormire, per poter osservare  ed ascoltare con la massima attenzione il rumore di tutti quegli aggeggi infernali che riempivano la stanza, tutte lì per il mio piccolino, circondati di possibilità di vita, o forse no?
 Le corse degli infermieri ed io messa all’angolo molte volte mentre cercavano di capire cosa stesse accadendo al mio piccolino, l’unica cosa che restava da fare era piangere in silenzio e pregare per avere forza. Ce la fece ogni volta quel piccolo lottatore ed è così che  scoprii che la forza della vita è innata in ognuno di noi, già stava esprimendo esattamente ciò che voleva senza aver proferito alcuna parola, già mi stava dando una grandissima lezione di vita: lottare!
Nonostante le informazioni negative sui prematuri che leggevo qua e là il mio lottatore incominciò a muovere i primi passi a 10 mesi, non aveva molta voglia di parlare, certo c'era un motivo, aveva una sorellina che parlava così tanto che lui non faceva altro che ridere ridere e ridere, e più lui rideva più lei parlava, quanto amore tra qui due pazzi figlioli.
Tutto il resto venne da se come un qualsiasi bimbo.
Oggi lui è un giovane di 22 anni e lei una donna di 30, sono due meraviglie.

Ogni scarrafone è bello 'a mamma soja!!!!!!!!!!!!
Naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa  





Commenti

  1. Ciao Carla, è un piacere ritrovarti...anche se con un triste ma allo stesso tempo stupendo racconto di vita, della tua vita.
    Chissà se si può comprendere scrivi...e io comprendo, perché mi è sembrato di riascoltare quegli stessi racconti che ci faceva come resoconto della giornata passata del suo piccolo bimbo, mia nipote. E perché ho vissuto stando a fianco di chi si doveva mettere ogni tanto nell'angolo e piangere in silenzio e pregare affinché quei medici, quegli infermieri che si affannavano intorno a quel piccolino..."piccolino" potesse continuare la sua lotta. Io comprendo perché ho udito di chi mi parlava della sua impotenza e della sua "difficoltà e perplessità" nel credere che sarebbe riuscita a trasmettere Amore e Forza al suo piccolo solo sfiorandolo con un dito attraverso un foro dell'incubatrice. E anche per tutte quelle rassicurazioni date cercando di rafforzare la speranza, quand'anche ce ne fosse bisogno, in quei plausibili e comprensibili attimi di sconforto! Io comprendo fortunatamente perché ho conosciuto la gioia di veder "vincere" quel fantastico piccolo lottatore e vedere la sua gioiosità e vitalità crescere. Non con pochi "problemi", ma crescere e dare tanta gioia a chi gli sta vicino con la sua vitalità e, quasi per compensazione, con la sua "precocità" anche nell'apprendere ed imparare.
    A 3 anni contava fino a 50...a 4 lo faceva in inglese, da "sempre" parla con frasi compiute e "concetti adulti" che ti fan rabbrividire! (di stupore e meraviglia)...E oggi ha "solo" 6 anni.

    Ciao Carla.
    Bentornata.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche queste sono esperienze di vita di cui poche volte si sente parlare.
      Piccoli stralci di esistenza che vanno ricordati per chi sta vivendo oggi questa esperienza e che la positività sia un motto importante.
      Un caro saluto.

      Elimina
  2. Cara Carla, ho letto con le lacrime agli occhi e commossa questo tuo racconto di vita.
    Mi ci sono ritrovata riga dopo riga, l’unica differenza è che mio figlio era nato prematuro solo di due settimane. E anche la dada coincide abbastanza, il mio è nato il 7 agosto...
    Appena nato non respirava bene, era molto piccolo per essere un maschietto, poco più di 2 chili, forse nell’ultimo mese non si era nutrito.
    Lo hanno messo nell’incubatrice, gli avevano dato una notte di vita, ma anche lui ha lottato come il tuo, e ogni giorno in più era una piccola conquista.
    Anche io tiravo il latte ed ho continuato a farlo per nove mesi, perchè lui poi non si è mai attaccato al seno.
    Dopo un po’ di giorni ho avuto la possibilità di tenerlo tra le braccia per pochi minuti al giorno, ma a me non bastavano… penso che il calore del corpo di una mamma equivalga a quello di un’incubatrice, ormai non aveva più tubicini attaccati, e quindi ogni tanto di notte come una ladra rubavo quei pochi minuti d’amore… tenerlo stretto a me, avvolto del mio calore mi dava una sensazione bellissima, mi faceva sentire importante...
    Ma una notte l’infermiera mi ha trovata e mi ha fatta sentire una nullità strappandomelo dal grembo… ho pianto tanto quella notte, e altre ancora… e come te mi sentivo diversa dalle altre mamme, mi sentivo sbagliata… ma cosa avevo fatto? Non ero stata neanche in grado di partorire un bimbo sano? Questo era il pensiero che mi opprimeva…
    Ora il mio è un ragazzone di 20 anni, non parla, non è autosufficiente, ma è il ragazzo più meraviglioso del mondo, e un grande lottatore come tuo figlio… e noi lottiamo insieme a lui ogni giorno… quanto c’insegnano questi figli!
    Grazie per questa tua bellissima testimonianza.
    Scusa se mi sono dilungata...
    Un abbraccio e tanti auguri a tutta la famiglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi raccontato questa tua grandissima storia. Sei una persona che merita onore e rispetto cara Betty, una lottatrice con accanto un grandissimo lottatore e la tua positività insegna a tutti quanti noi.
      A presto!

      Elimina
  3. Quanta emozione nel leggere le tue parole. Sei veramente riuscita a trasmettere i tuoi sentimenti, le tue sofferenze. Non ho avuto figli prematuri, ma sentirti parlare di quegli aggegi infernali, della lotta per la vita di un piccolo, minuscolo esserino, mi ha fatto capire quello che hai provato. Te lo dico con tanta tanta simpatia.
    E intanto Buon Natale e Buon Anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Ambra, sì sono stati momenti piuttosto difficili ma sono già passati 22 anni ed ora rimane il ricordo e la possibilità, forse, di poter trasmettere un po' di sicurezza a chi sta vivendo momenti come questi.
      A presto!

      Elimina
  4. Questo prematuro ha cambiato la vita di tutti noi...!!!!
    Spero di riuscire a trasmettere un po' di questa stessa positività ad una ragazza che conosco e che sta vivendo proprio oggi questi stessi momenti difficili.

    Un abbraccio
    B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Benny, certo che ci riuscirai, basta solo la tua presenza.
      A presto!

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Una vera donna (SnoopyMania)

Pensiero di fine settimana