Passa ai contenuti principali

Lago Cocibolca con sus isletas


Affittiamo la nostra pittorica barchetta, aggiungerei  anche confortevole e sicura, soprattutto l'omino che la conduce ci da una certa sicurezza, il suo sguardo esperto ci rassicura, il suo sorriso ci regalava un certo relax. E così ci conduce tra le strettoie e i canali che separano le isolette, ci lasciamo attraversare da una vento piacevole e subito il paesaggio che ci si presenta ci cattura, osserviamo con ammirazione e riverenza questa maestosa natura. 
Il lago Cocibolca con le sue 365 isolette lacustri che si trovano a soli 3 Km da Granada (Nicaragua)
E' un arcipelago di origine vulcanica, così ci dicono,  e sono il prodotto di una esplosione del vulcano  Mombacho avvenuta circa venti milioni di anni fa che ha versato i suoi detriti proprio sul lago formando appunto le isolette.  Da questo lago osserviamo meravigliati il vulcano Mombacho e la spettacolare e unica isola di Ometepe che ci offre anch'essa i suo due imponenti  vulcani  Concepción e il  Maderas.
Su una di queste isolette, l'isolotto di San Paolo, si erge la fortezza del XIX secolo che fu costruita per proteggere la città di Granada dai costanti attacchi dei pirati.  Ci imbattiamo poi nell'isoletta delle scimmie che al nostro arrivo si avvicinano alla nostra barca. Sono docili, ci dicono, ma hanno lo sguardo piuttosto aggressivo, non ci sentiamo troppo al sicuro e tiriamo dritto. 
Il simpatico ometto ci dice che molte delle isole sono di proprietà privata dove sono state costruite case per le vacanze, c'è qualche hotel  per accontentare i pochi turisti. Osserviamo l'enorme contrasto delle bellissime case di mattoni o di legno e le isolette abitate dalle famiglie indigene dei pescatori mentre incrociamo le semplici barchette condotte da questi umili abitanti.
Il giro dura un'ora e siamo davvero soddisfatti di avere percorso questo tratto di natura ancora lasciato in mano a se stessa. Il silenzio ci ha anche regalato una bella dose di riposo, torniamo a casa soddisfatti.


La gente del posto e il loro mezzo di trasporto 



Il vulcano Mombacho in lontananza 















Commenti

  1. Wow... che posti meravigliosi Carla!! Grazie per lo splendido reportage, così possiamo goderne di riflesso anche noi :-)
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era proprio quello che speravo, trasmettere questo riflesso, Ciao Betty

      Elimina
  2. Bellissima giornata passata insieme a goderci queste bellezze della natura..... e bellissime fotografie!!! Amo questi verdi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio una bella giornata, sarebbe bella ripeterla omino della barchetta compreso.....

      Elimina
  3. Paesaggi difficili da dimenticare... :-)
    La natura, anche in una terra esausta e spesso maltrattata come il Nicaragua, regala colori e sensazioni speciali che restano nel cuore.
    Ci tornerò, spero insieme a voi
    B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si possono dimenticare,Tornaci Benny, dai!

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily