Passa ai contenuti principali

LIBRI: Gioconda Belli - Scrittrice, Giornalista, Poetessa

"La guerra non mi ha mai interessato. 
Io sono un amante della civiltà, del progresso, delle lettere .... 
la guerra è il contrario del pensiero, della parola, del dialogo. Nessuno parla durante la guerra, tutti sparano. 
Non gli interessa conoscersi. 
Si evitano, si nascondono. 
Dietro i loro fucili rifiutano le parole, il dialogo.... 
se riuscissero a parlare non ci sarebbero guerre"
(Da il romanzo "Waslala" di Gioconda Belli)
*******

"Ho perso molte, molte persone care. Il commando di cui facevo parte, per esempio, era composto da dieci persone, siamo rimaste vive solo in due. Ho perso anche un uomo che amavo molto, Marcos..."
(da il romanzo "La donna abitata" di Gioconda Belli)
********

Festival della poesia febbraio 2014 Granada (Nicaragua) 


Gioconda Belli è  nata a Managua il 9 dicembre del 1948. 
Ha origini italiane, il suo bisnonno Antonio Belli era di Colma di Biella ed emigrò in Sud America all'epoca della costruzione del famoso Canale di Panama. Antonio Belli non emigrò a causa della povertà ma per collaborare come archeologo alla costruzione del Canale. 
Gioconda Belli è scrittrice, giornalista e poetessa. Ha scritto 7 libri di narrativa oltre le sue raccolte di poesie dove racconta i temi ricorrenti del suo paese il Nicaragua. Una donna che ha vissuto come protagonista la guerra civile nicaraguense con una particolarità alquanto femminile e sensuale. In lei si intrecciano svariati stili di donna che si amalgamano e mutano con il trascorrere del tempo. Scrittrice che racconta la lotta delle donne nel clima di guerra, il loro rapporto tra l'America precolombiana e l'America Latina di oggi.

Web
Gioconda Belli dichiara che i versi, le parole esplodono in lei senza tregua come acqua che sgorga spontanea...riuscendo anche a scandalizzare per i temi che tratta senza pudore.
Oggi vive a Santa Monica in California e torna nel suo paese ogni anno ma il sogno che aveva verso il Nicaragua per lei non si è realizzato. 
Quando cammina per le strade di Santa Monica pensa....: " ai tempi in cui trasportavo armi o andavo in giro con il mitra in spalla - gli anni delle passioni politiche e mi chiedo se sono la stessa persona.... Ora vivo in due mondi diversi ed in ciascuno di essi la mia vita è diversa. L'esistenza è una corsa a staffetta lungo una strada infinita." -ed inoltre aggiunge - " L'impegno non si deve sempre pagare con il sangue o non sempre richiede l'eroismo di morire sulla linea del fuoco. Esiste un eroismo della pace e dell'equilibrio, accessibile, quotidiano che.... ci spinge a sfruttare tutte le possibilità della vita e a vivere non una, ma tante vite contemporaneamente. Non c'è nulla di romantico o di donchisciottesco nel voler cambiare il mondo. ... Il futuro è una costruzione che si realizza nel presente e per questo concepisco la responsabilità verso il presente come l'unica  responsabilità seria verso il futuro" .
************
Ho conosciuto questa scrittrice attraverso il suo Libro "IL PAESE SOTTO LA PELLE"  ed ho avuto il piacere di incontrarla al festival della poesia tenutosi a Granada (Nicaragua) questo ultimo febbraio 2014.

"IL PAESE SOTTO LA PELLE" è la storia di una rivoluzione e di una donna che ha narrato intensamente se stessa e i sentimenti intorno a lei. 
Scopro una donna con un vissuto pieno di passione per la sua terra, come combattente, come donna, come persona, descrivendo la sua femminilità cosparsa di amori difficili in un contesto di guerra. I sentimenti travolgenti della lontananza, le passioni politiche, la perdita di tanti compagni e la dura realtà dell'esilio. 
Leggendo questo libro non si conosce solo lei come scrittrice o come donna ma si scopre una terra e una guerra di cui poco si parla: il Nicaragua 




Gioconda Belli, Il paese sotto la pelle (tit. originale El paìs bajo mi piel),  
edizione  e/o, Roma 2011. Traduzione di Margherita D’Amico

Rivoluzione Nicaragua - Web


Rivoluzione Nicaragua  -  Web


i romanzi pubblicati in Italia: 
LA DONNA ABITATA (1995),
 IL PAESE SOTTO LA PELLE (2002), 
SOFIA DEI PRESAGI (1996) 
WASLALA (1997) 
LA PERGAMENA DELLA SEDUZIONE, (2007)
L'INFINITO NEL PALMO DELLA MANO (2008)
NEL PAESE DELLE DONNE (2011)


In Italia, la Belli viene tradotta sin dagli anni Ottanta dal trimestrale di poesia e cultura fiorentino "Collettivo R", diretto da Luca Rosi. 

carlafamily

Commenti

  1. Cara Carla, purtroppo esistono angoli del mondo dove non sanno fare solo la guerra, se cerchiamo la causa, è pure difficile da trovare, credo che sia rimandato da generazioni a generazioni.
    Oggi se pensiamo è la droga.
    Se pensiamo del secolo scorso in pratica dall'inizio il Sud America era una battaglia continua, sempre ogni generale voleva la sua dittatura!!!
    L'Europa oggi possiamo dire che grazie all'unione Europea con tutti i suoi problemi!!!
    Però un risultato che da oltre 70 anni non ce un conflitto, questo per me è già un traguardo.
    Ciao e buona serata cara amica con sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso. credo che tu possa raccontarci molto della guerra e sapresti spiegarci moltissime cose che ancora noi non comprendiamo. Possiamo dirci "fortunati se nella nostra Europa non ci sono guerre. L'Europa dell'est però è un continuo focolaio di guerra o rivoluzioni civili e noi ne sappiamo ben poco. Abbiamo alle porte il continuo conflitto Palestina Israele, la striscia di Gaza che miete vittime ogni giorno.
      Il Centro America è a continuo rischio, gli animi sono sempre caldi. Il sangue della gente bolle dalla rabbia dovuta ai soprusi.
      Mio marito diceva che il Centr'America è una bomba ad orologeria ed aveva ragione, in effetti è proprio così. Di colpi di stato ormai pare che la gente se ne faccia una ragione. La violenza causata dall'estrema povertà fa esplodere la guerriglia da un momento all'altro mentre stai camminando per le strade.
      Gioconda Belli nei suoi libri racconta proprio la storia di una guerra recente, la guerra civile del Nicaragua e della quale la gente porta ancora i segni.
      Quasi un secolo di guerra civile racchiusa in questo lembo di terra passando da un governante all'altro ed il popolo in ginocchio.
      Hai ragione quando parli di droga, anche quella è una guerra atroce che pare non venga conclusa..
      E' sempre un piacere avere i tuoi commenti soprattutto su questi argomenti.
      Un caro saluto

      Elimina
  2. Leggevo tempo fa del fronte italo-austriaco nella zona ora al confine fra Lombardia e Trentino: di giorno si prendevano a cannonate, al tramonto si aiutavano a recuperare le salme dei caduti, i commilitoni feriti e si scambiavano pane e zuppe calde, bende pulite e qualche sigaretta. Una guerra voluta dalla politica, gestita dai generali e subita e non capita dai soldati e dalle loro famiglie.
    Non sempre è così, posso immaginarlo, ma lo è spesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mi fa capire, un volta di più, che le guerre sono sempre nelle mani dei potenti che spingono i popoli a cercare i pretesti per combattersi e che i confini sono un grosso ostacolo.
      A presto!

      Elimina
  3. Sono sincero, non è il mio genere di racconto. La guerra non m'attira e poi sapere che sono cose terribilmente vissute mi allontana ancora di più. Però immagino che devono essere degli scritti "forti".

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioconda Belli ha descritto la storia contemporanea del suo paese che è praticamente vissuto in guerra quasi per tutti gli ultimi 100 anni, guerre, guerriglie, rivoluzioni.
      Nei suoi racconti però non parla solo di guerra, parla dei rapporti con i suoi compagni e dei suoi amori.
      Ha scritto poesie molto passionali, narra di storie d'amore senza pudore. E' una donna che ha scandalizzato parecchio. Pubblicherò a breve alcuni post di sue poesie molto forti che non parlano affatto di guerra.
      Un caro saluto Moz

      Elimina
  4. Appassionanti devono essere i suoi libri e le sue poesie di cui scrivi qui sopra. Si vede dai lineamenti del suo viso quanto intense possano essere le sue emozioni non importa in quale direzioni esse vadano. E' un'autrice che voglio leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ambra, ti sorprenderà. Ti darò però un assaggio delle sue poesie tanto per avere l'idea.
      Ciao Ambra, a presto!

      Elimina
  5. Ciao Carla,
    devo essere sincera, scusa l'ignoranza, ma non la conoscevo. Al contempo ti ringrazio perchè mi hai fatto scoprire qualcosa di nuovo ;)
    Di solito evo di legge libri di guerra, lo faccio perchè da bambina e adolescente ne ho letti tantissimi e sono stata molto male.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è una scrittrice conosciuta, sicuramente lo è in America Latina.
      Lei ha mescolato molto storia di guerra e i suoi amori passionali.
      Se hai fatto il pieno da adolescente ora avrai cambiato stile.
      Comunque Gioconda Belli ha toccato molto il tema della donna.
      Un caro saluto Audrey

      Elimina
  6. Che forza queste donne! Non conoscevo questa scrittrice ma cercherò di rimediare. Mi rendo conto sempre più che il detto "fa più rumore un albero che cade di un'intera foresta che cresce" è giusto... ci sono tante persone di valore che, in silenzio lavorano per il bene comune.
    Ciao Carla, buonanotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, questa donna è davvero una forza. Forse non tutti condividono i suoi pensieri ma nessuno può dire che non abbia lottato per se stessa come donna e per la sua terra
      Un caro saluto Sari.

      Elimina
  7. Bisogna rimediare è leggere qualche sua opera, visto che tratta di zone e guerre spesso dimenticate.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche solo per saperne un filino di più su alcuni Paesi.
      A presto Cavaliere!

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Una vera donna (SnoopyMania)

Pensiero di fine settimana