lunedì 14 luglio 2014

Mondiali, e adesso parliamo di soldi

Il mondiale dei mondiali (così lo chiamavano) è finito, qualcuno fa due righe di conti, il Web è pieno di tabelle e schemi sui lauti guadagni della varie federazioni e dei giocatori che, come tutti ben sappiamo, sono un passaggio economico senza confronti.
In pratica sembra che nessuno perda 
Dal 1982, anno in cui è stato introdotto il premio, la Fifa ha assegnato quasi un miliardo e mezzo di euro alle nazionali. Il mondiale più ricco è quello attuale, con oltre 350 milioni di euro, di cui 50 milioni ai club di appartenenza dei convocati. 

20 commenti:

  1. Fino a che ci saranno questi compensi esorbitanti nel mondo del calcio, che gioco non è più, ci sarà sempre violenza. Per le cifre esorbitanti che ci riporti, penso che è un po' come essere pagati per fare il lavoro per cui sono stati assunti.
    Non tifo per una squadra calcistica da tanto tempo... non riesco a non pensare al malaffare che si cela dietro.
    Ciao Carla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non che mi abbiano stupita queste cifre, nel mondo del calcio è proprio questa la vergogna e poi vediamo anche i calciatorini fare i capricci.
      Quello che c'è dietro è Mercato e non gioco.
      Ciao Sari.

      Elimina
  2. Cifre davvero spropositate, mamma mia. Alla fine dovrebbe essere solo un gioco, ma così non è.
    Intanto son contento per la Germania, ha meritato la vittoria.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo rimasti solo in pochi a credere che sia un gioco, pochi e poveri illusi.
      Sì la vittoria è rimasta in Europa.
      Non mi sento così entusiasta però
      Ciao Moz.

      Elimina
  3. Quante cose si sarebbero potute fare con quei soldi... Come sempre l'egoismo vince!
    Ciao
    xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non riesco proprio a pensarci alle migliaia di cose che si sarebbero potute fare.
      Un caro saluto Xavier

      Elimina
  4. Io sono rimasta a bocca aperta quando ho letto che la sconfitta forse del Brasile o non ricordo bene quale squadra, rischiava di minare la stabilità economica della nazione. Ma dico, stiamo scherzando?!?! Mettere la stabilità economica di un Paese nelle mani di uno sport?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Mercato azionario gira molto intorno al calcio come ad altri sport e per questo ne va in gioco la stabilità di molte nazioni che poggiano parte della loro economia su queste società.
      Non c'è nulla che giri intorno al mercato.
      Io arrivo a pensare che la povertà stessa sia studiata a tavolino.
      Un caro saluto Cri, sono appena passata da te.

      Elimina
    2. Concordo col tuo pensiero: da bere e da mangiare ce ne sarebbe per tutti, se i più potenti non decidessero di affamare i più deboli.

      Elimina
  5. Soldi che potevano essere spesi nella ricerca, nella scuola, per gli aiuti umanitari... ma figuriamoci, non fa figo!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi.... Melinda, non fa chic!
      La verità è che alcuni tizi quando fanno donazioni lo fanno a patto che si faccia una gran pubblicità, in silenzio non fanno nulla.
      Ciao Melinda

      Elimina
  6. Panem et circenses... a quanto pare non serve neanche più il pane, per tenere a bada i popoli. Basta il circo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi Silvia, il popolo sta quieto.
      Funziona così!

      Elimina
  7. che spreco di denaro, con tutti quei soldi potevamo sfamare il terzo mondo e anche i poveri delle nostre nazioni sviluppate ma in via di regresso.
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma loro non sanno neppure che esiste un terzo mondo o che nella loro stessa nazione stanno nascendo i nuovi poveri.
      L'abisso tra ricco e povero sta diventando sempre più marcato ed è anche grazie a questi squilibri sciagurati.
      Un caro saluto Audrey

      Elimina
  8. Siamo noi che li guardiamo che procuriamo questo giro di soldi allucinante. Se non ci fossimo noi a seguire il calcio, loro non sarebbero niente. Siamo anche noi, nel nostro piccolo, i responsabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahimè, è proprio così purtroppo. Il fatto è che la gente, o per lo meni alcune persone, ama sinceramente questo sport, le direzioni però non sono altrettanto genuini.
      In realtà ci dovremmo limitare alle partite di paese e forse non ci sarebbero tanti giri di denaro ma di sorrisi.
      A presto!

      Elimina
  9. A me piace il calcio, ma non ho parole sulle montagne di capitali che muove!
    In questi casi poi, se possibile, è ancor più inconcepibile!
    Quanto avrebbero potuto fare per il mondo, o se non altro proprio per "quei" paesi...ma tu la conosci bene la realtà di quei paesi e quindi non ti sto a dire nulla Carla...

    Un piccolo rammarico però concediamoglielo ai giocatori tedeschi...
    "Mannaggia, ma non potevamo giocare nell'Argentina!? ...avremmo "cuccato" 510mila € invece dei "miseri" 300mila!!! ...Tirchia di una Angel!...

    Ciao Carla.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  10. Ops...tirchio anch'io che ho dimenticato la "a" finale...scusa...Merkel...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo squilibrio è incredibile anche relativamente agli introiti tra le squadre, temo che sia l'idea che si ha troppo elevata di certi personaggi. Credo anche che se un giocatore è un fenomeno sta compiendo comunque un lavoro che è anche una passione e non mi sembrano rispettose certe cifre nei confronti di chi per esempio lavora in fonderia o in tintoria (solo per citare un tipo di lavoro) che guadagna 1000/1200 euro.
      Hai ragione non ci sono parola.
      Ciao Pino

      Elimina

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.