martedì 23 settembre 2014

Hermann Hesse - IO TI CHIESI


Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.



Hermann Hesse


24 commenti:

  1. Che dolcezza e che malinconia in queste parole! Da leggere sottovoce..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hesse è un malinconico, un grande fenomeno malinconico
      Ciao Marco

      Elimina
  2. Ciao Carla ...adoro questa poesia, una dolce rappresentazione della compassione. Buona giornata
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, potrebbe sembrare compassione ed anche da quella scaturisce amore.
      Ciao Gio

      Elimina
  3. Hesse usa il sentimento per dipingerne altri nei nostri cuori. E' la potenza dei grandi.
    Un abbraccio sorelloso per te, cara Carla.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci fa sembrare strana la malinconia e rende bella la tristezza.
      Un abbraccio Sari

      Elimina
  4. Quando si leggono versi così... ci si rende conto di che cos'è la vera poesia.

    ...stupenda scelta!

    Ciao Carla.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo e partendo da qui impariamo ad amarla
      Un caro saluto Pino

      Elimina
  5. Cara Carla, versi veramente penetranti che fanno breccia in ogni cuore.
    Ciao con un abbraccio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio così, una breccia in ogni cuore.
      Un caro saluto Tomaso

      Elimina
  6. Non la conoscevo...bella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Lila che gioia sapere che passando dal mio blog hai conosciuto qualcosa di nuovo
      Ciao Ciao e ripassa eh

      Elimina
  7. Grandissimo Hesse, che altro si deve dire?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, poche righe e..... tutto detto!
      Ciao caro MOz

      Elimina
  8. Non si può aggiungere nulla, sarebbe superfluo.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così Antonella, non ci resta altro che godere di queste parole dove malinconia e tristezza ci dicono che possono essere anch'esse amate.
      Un abbraccio carissima Antonella

      Elimina
  9. e tu sembri davvero triste in questi giorni...
    un abbraccio grande
    chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto un po' cara Chiara ma mi rifaccio presto.
      Una stretta forte. Ciao!

      Elimina
  10. Brevi parole ricche di profondità. Grazie per la condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Simo che apprezzi queste parole
      Ciao e a presto!

      Elimina
  11. Adoro Hesse, le sue parole, i suoi pensieri sono sempre profondi e stupendi!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è dubbio che Hesse usa parole profonde per descrivere sentimenti che stanno intorno a noi e che a volte abbiamo timore di esternare., Invece ci fa sembrare semplice e naturale amare occhi tristi.
      Un carissimo Saluto Audrey

      Elimina
  12. Indubbiamente da mettere nella categoria "tristezza" ma scavando tra le parole ci trovo comunque un'infinita dolcezza !!**
    A presto.
    Paolo
    PS: sono tornato cara amica mia. Il blog è di famiglia .... ma tant'è.

    RispondiElimina
  13. Una malinconia che tocca il cuore.

    RispondiElimina

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.