Passa ai contenuti principali

Titanic ~ The Experience

Avventuriamoci indietro nel tempo! Andiamo ad Orlando in Florida!


Il primo settembre del 1985  Robert Ballard scoprì e localizzò dei relitti del Titanic.



Ed ora ad Orlando in Florida esiste The brand new, 20,000 sq.ft. Il Titanic - The Experience non è una mostra qualsiasi, siamo avvolti dal tempo e dalle cose, veniamo trasportati nel periodo precedente le 2 grandi guerre quando la rivoluzione industriale stava raggiungendo vertici mai visti, quando si gareggiava per costruire la nave più grande.
Bene! All’entrata del museo tutti i visitatori ricevono una carta d’imbarco così entriamo pienamente nell’atmosfera, ci stiamo imbarcando sulla nave sapendo che dovremo condividerne anche tutta la tragicità, nella nostra carta d’imbarco sono indicati la cabina e la classe. Io mi chiamo Elizabeth Gladys Dean o “Millvina” ho la cabina numero 33 e viaggio in Terza classe con la mia famiglia.



Riceviamo un caloroso saluto dal capitano e qui entrano in gioco gli attori ben addestrati che ci accolgono in costume d'epoca, ritraggono famosi personaggi e passeggeri come per l’appunto il capitano Smith o Molly Brown. Si condividono così le storie dei passeggeri. Una riproduzioni in scala del Titanic, compreso il suo scalone, Sala macchine, ufficio del capitano, eliche e motori……. Bellissimo! Exceptionally trained actors in period costume portray famous Titanic notables such as Capt. Smith and Molly Brown, sharing stories of her passengers and crew during your hour-long guided tour, which features a walk out on to the ships Promenade Deck to feel the chill of the cold Atlantic air and view the brilliant night stars, as well as a stop to lay your hand on the freezing cold surface of an Iceberg.











Vi erano schermi che mostravano filmati mai visti del relitto girati durante le più recenti spedizioni. Vi sono oltre 200 reperti e anche tesori che passeranno alla storia tra cui il memorabile film campione d’incassi di Cameron. Costumi di scena meravigliosi!




Il tour prosegue, va avanti, tra reperti, abiti dell’epoca, tutto è emozionante in quanto vi sono anche foto reali che raffigurano gli oggetti o le piastrelle ritrovate. Ad una certo punto si entra in una stanza buia, c’è freddo, quasi gelo. Stiamo entrando nella parte del museo che riproduce la tragica fine del Titanic. Vi è una lastra di ghiaccio solido un blocco molto grande al centro della stanza che si può toccare così tutti possiamo capire il gelo di quella notte. Non possiamo scattare fotografie ne riprendere con la videocamera. Ci siamo trovati sul ponte Promenade e abbiamo sentito il freddo, l'aria glaciale  atlantica, abbiamo visto le stelle di quella notte così brillanti nel buio di quella sera riprodotte sulle pareti,  il buio, le stelle e il gelo ci avvolgevano,  Abbiamo steso la mano su quella superficie gelata dell’Iceberg. Un brivido!
Tutto si conclude, la tragedia titanic si è consumata ora si entra in una sala dove appesi alle pareti appaiono i nomi di tutti i passeggeri e qui scopriamo se siamo sopravissuti oppure no. E un attimo davvero emozionante e nello stesso tempo molto triste……


Io la più piccola passeggera del Titanic sono sopravissuta.
Vorrei spendere qualche riga su questo personaggio che nella sua vita è stata la più piccola e l’ultima sopravissuta alla tragedia del Titanic

Nome: Miss Elizabeth Gladys 'Millvina' Dean
Born Nata il 02 Febbraio 1912

Età al momento dell'imbarco: 2 Mesi
Ultima residenza in Bartley Farm Hamshire England
Last Residenc
Classe 3 - Passeggeri
Primo imbarco: Southampton il Mercoledì 10 Aprile 1912
First
Ticket n. 2315, £ 20 11s 6d
Destination Rescued
Destinazione: Wichita Kansas Stati Uniti
Sbarcata con Carpathia a New York City il giovedì 18 aprile 1912
Disembarked Car
Morta il 31 Maggio 2009

Miss Elizabeth Gladys Dean, meglio nota come Millvina, nata il 2 febbraio 1912. Nel mese di aprile 1912, aveva solo nove settimane di età ed era, con i suoi genitori e il fratello maggiore Bertram, in procinto di emigrare in Wichita Kansas dove il padre sperava di aprire un negozio di tabacchi. Avrebbero dovuto partire con un'altra nave ma a causa di carenza di carbone la famiglia venne fatta imbarcare sul Titanic.
Millvina, la madre e il fratello sono stati tutti tratti in salvo. Suo padre, però, non sopravvisse, e il suo corpo se recuperato, non fu identificato. Sono tornati in Inghilterra a bordo della Adriatica. Ed è su questa nave  che Millvina è diventata uno spettacolo, una bimba in tenerissima età era riuscita a sopravvivere. Passeggeri di prima e di seconda classe facevano la coda per tenerla tra le braccia e scattare fotografie di lei, sua madre e il fratello, molte delle quali sono state pubblicate dai giornali contemporanei.


In uno si legge: “(Lei) era la beniamina durante il viaggio, era così forte la rivalità tra le donne che uno degli ufficiali decise che i passeggeri di prima e seconda classe la potessero tenere a turno per non più di dieci minuti”. (Daily Mirror, 12 Maggio 1912)
'Daily Mirror' una riproduzione del quotidiano del 22 aprile 1912 firmata a mano da Millvina Dean. Il giornale mostra la foto e gli articoli sul disastro del Titanic che era avvenuto la settimana prima. Sulla prima pagina del giornale compare una foto di Eleanor Smith, moglie del capitano del Titanic Smith. Per dimostrare l'autenticità della fotografia Millvina  ha autografato il giornale chiaramente in pennarello nero. Questo giornale è in ottime condizioni.


Millvina non si sposò mai, lavorò per il governo durante la seconda guerra mondiale disegnando mappe, e più tardi nel reparto acquisti di una società di ingegneria. Solo negli anni 70 Millvina è diventata una celebrità. Nel 1997 è stata invitata a viaggiare a bordo della QE2 in America per completare il viaggio della sua famiglia a Wichita, Kansas

Millvina è scomparsa all'età di 97 anni il 31/maggio/2009



Questa storia del Titanic non smette di affascinare. Con la morte di Elizabeth Gladys Dean, conosciuta come Millvina Dean scompare l’ultima sopravvissuta del naufragio del Titanic, l’ultima testimone di un terribile incidente entrato nella storia.


Vi sono molte storie di naufragi ma nessuna ha suscitato tanto interesse, un magnetismo così straordinario. Quel disastro provocò sensazioni particolari tra i suoi contemporanei fino ad oggi.  In questo museo abbiamo visto oggetti e storie reali, un viaggio immaginario all’interno di questa maestosa imbarcazione al suo centesimo anniversario.

Titanic ~ The Experience è ad  Orlando, Florida, al seguente indirizzo:

The Mercado
8445 International Drive
Orlando, FL 32819



Commenti

  1. Ciao Carla, non ho ancora letto questo post perchè sono di corsa...me lo tengo per questa sera! Se puoi passa da me...ho vinto un altro premio e lo voglio condividere anche con te. Ciao Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, sei sempre presente. A presto!

      Elimina
  2. Questa esperienza è stata particolare... rivivere le ultime ore del Titanic è stato emozionante... Anche il mio personaggio è sopravvissuto... ma questo non ci ha reso più felici, vero? Tutti sul Titanic hanno perso qualcuno. Vedere l'infinita lista di "dispersi in mare" è stato terribile. E pensare che è tutto vero fa venire i brividi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del gruppo pare che le uniche sopravissute fossime state io e te, però tu, se non sbaglio, eri in Prima Classe. Comunque è stata un'esperienza unica.

      Elimina
  3. Ma che bello questo tuffo nel Titanic, un tour favoloso.
    complimenti ho visto che Antonella ti ha premiata e sono venuta per un saluto . da oggi ti seguo anche io!
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta Vaty di averti tra i miei blog preferiti, da parte mia spero di non deluderti.

      Elimina
  4. Ciao Carla ,prima di tutto sono contenta che abbiate conosciuto Vaty, vi piacerete senz'altro. questo post è una meraviglia l'ho etto attentamente e ho capito che avete veramente non visitato un museo ma vissuto un'autentica esperienza.Grazie Carla di averla condivisa così bene con tutti noi. Un forte abbraccio Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sarebbero mille altre cose da raccontare, tutto era talmente coinvolgente ed emozionante... e tragico. E poi quando ho scoperto che il mio passeggero era proprio Millvina non potevo crederci....

      Elimina
  5. Ciao, ho scoperto il tuo blog qualche tempo fa ma sono rimasta una lettrice silenziosa. Questa storia però mi ha proprio colpito, forse perchè con mio figlio abbiamo visto un bel documentario sul Titanic in occasione del centenario e ci è venuta tanta curiosità di saperne di più. Questo museo che descrivi così bene sarebbe bello averlo più vicino, ci piacerebbe proprio visitarlo. Bella anche l'idea di seguire le storie dei singoli passeggeri, triste certo ma un modo per ricordare chi ha vissuto un'esperienza davvero terribile. Grazie del racconto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Marzia nel mio blog, effettivamente è stata una bellisima esperienza e ci sarebbe ancora tanto da raccontare. Ti aspetto nuovamente qui per avere i tuoi commenti su altri argomenti. Se ti fa piacere aggiungiti fra i miei lettori fissi anche se sei una lettrice silenziona saprò comunque so che ci sei. A presto!

      Elimina
  6. Bè... il Titanic ontinuerà ad affascinare e dopo questa esperienza resterà ancora di piu nel nostro cuore. Il mio personaggio non sopravvisuto purtroppo ma sono felicissima di averlo conosciuto... bel post mammina!

    RispondiElimina
  7. Wow, molto interessante questo tour, se mai andrò a Orlando non mancherò di fare tappa!

    RispondiElimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily