Passa ai contenuti principali

Post dedicato

Ricordate   quando ho invitato i lettori del mio blog ad "ascoltare" il linguaggio dei segni?  Era la storia di come i bambini qui in Nicaragua abbiano inventato la lingua dei segni nicaraguense.
Se non avete letto vi invito a farlo cliccando QUI perché questa parte del Nicaragua è davvero una perla, come moltissime altre del resto.



Vorrei dedicare altri post a questo argomento perchè credo sia importante conoscere alcune persone.
Come vi avevo anticipato qui c’è un gruppo di giovani nicaraguensi che con l'aiuto di una organizzazione un giorno ha deciso di imparare la lingua dei segni nicaraguense per aiutare i sordi del loro paese. Sono ragazzi fantastici con uno spirito di abnegazione formidabile ma soprattutto riescono a regalare un sorriso a queste persone che sono perlopiù messe ai margini in una società tanto povera che non ha il tempo da dedicare a loro.

Il  primo studente del gruppo... timidissimo!
A Managua, la capitale, c’è una scuola specializzata ma purtroppo non tutti hanno la possibilità di frequentarla, grazie a questo gruppo di ragazzi alcuni sordi possono ora finalmente imparare a dialogare e a parlare di ogni tipo di argomento.

Diamo una sbirciatina a questo gruppo che lavora a stretto contatto con noi, giovani che ho conosciuto qui e che dedicano la loro meravigliosa giovinezza ai sordi. 
Sono studenti, figli, amici, che vivono in questo paese difficile da vivere, ancora martoriato dalla scia della guerra civile ma con una forza che ci lascia senza parole. Arrivando qui si ha la chiara sensazione che questo Paese sia  in ginocchio piagato dalla povertà e dalla fame,  nonostante tutto questi ragazzi danno il meglio di se accompagnati dal  loro irresistibile sorriso, cercando di rialzare la loro gente prostrata da tanta sofferenza.
Sarà solo un piccolo gruppo ma, credetemi, è un grande lavoro ridare la dignità ad una persona che per tutta la vita ha vissuto nel silenzio senza la possibilità di esprimere la sua richiesta di aiuto.
Purtroppo la povertà e l’analfabetismo porta a concetti di vita strazianti, vi ho già mostrato le case in cui riversa circa il 75% dei nicaraguensi, ed è in questo contesto che si trova il dramma dentro altri drammi.

Potrebbe essere la storia di una ragazzina di 14 anni sordo muta, analfabeta e, terribile anche solo dirlo, sfruttata da chi come lei è disperato.
In questo strazio c’è l’immensa speranza che con questo gruppo possa imparare a esprimersi e …. chiedere finalmente aiuto! Lo farà perché sta imparando a “parlare” con i segni grazie a questi giovani.
Imparerà a leggere e scrivere, certo! Per ora ha imparato a segnare: giraffa, gatto, cane, cielo, montagna, mare, tu hai la pelle bianca io sono morena.








Credo che questi siano i veri miracoli senza barriere


Per esempio qui vediamo Gladis che a 60 anni ha imparato la lingua dei segni per aiutare questo gruppo di giovani




Qui invece c'è Faber e non si capisce se è più giovane l'alunno o l'insegnate.
Sono fortissimi!
Da sinistra: la prima (Blanca), il quinto (Pedro),dall'ottava all'unidicesima (Belci, Iahoska, Giorleni, Gladis) e i due ragazzi chini (Faber, Maikel) sono quelli che hanno imparato la lingua dei segni per aiutare i giovani qui nella fotografia. Come potete vedere il secondo da sinistra non è più molto giovane ma sta imparando con tanto entusiasmo.
Certo ognuno ha un suo ruolo e sicuramente questo implica un cambiamento delle proprie priorità.

Scoprire che per noi qualcosa è cambiato, noi siamo cambiati, siamo quelli che interiormente siamo sempre stati ignorandoci.

Qui sto imparando questo: Ascoltare con tutti i sensi che non sono solo cinque!



Commenti

  1. quanti sorrisi tra questi ragazzi e quanti pochi se ne vedono tra chi ha molte più possibilità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sorriso di questi ragazzi è proprio quello ci forza e ci circonda sempre.
      Benvenuta Maddalena nel mio blog!

      Elimina
  2. Ed è davvero una grande lezione..

    RispondiElimina
  3. Ciao Carla, grandissima lezione etica e morale, dobbiamo imparare a conoscere queste realtà e capirle e tu ci stai aiutando. Un abbraccio forte, Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, sono sempre nella fase di comprensione, un'altra cosa che mi rende felice è che qualcuno legge.

      Elimina
  4. Questi sordi vivono in un mondo tutto loro...fatto di gesti...risate....sguardi che dicono più di mille parole e tanti tantissimi silenzi.... è davvero bello vedere i ragazzi sforzarsi così tanto per poter comunicare anche con loro... è molto commovente!!!! Poi sono davvero forti!!! Ci prendono in giro...e chissà cosa dicono!!! Sono proprio divertenti!!! E apprezzano i nostri sforzissimi per imparare almeno a dire "ciao, come stai? Sono contenta di vederti!"Bello davvero questo post!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valentina, insieme abbiamo conosciuto tutti questi giovani e abbiamo avuto tanta forza da loro.
      Parliamone in Italia quando torniamo....
      OK?

      Elimina
  5. Ma che meraviglia di gruppo!!!!!...Carla ma tu che ruolo hai lì? sei una volontaria come Diana?
    Sono entrata a vedere il post delle case....terribile che debbano vivere in catapecchie simili....Ma come si approvvigionano di cibi e altro? C'è qualcuno che ha un lavoro tra gli abitanti di quelle case? esistono negozi? qual'è la loro attività principale per il loro sostentamento???
    Se mi puoi rispondere mi farà piacere ....Un bacio per una grandissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono... la mamma di Diana. Lei e suo marito sono volontari qui da diversi anni e io li ho seguiti. Tranquilla, non vivo con loro.
      Qui c'è anche mio figlio ventunenne, volontario anche lui.
      Sono contenta che hai visto le case dal mio post.
      C'è un altro post che si intitola "Le Pulperie" che potrebbe interessarti.
      Il lavoro qui se lo inventano anche se c'è qualche "eletto" che ha un buon lavoro.
      Se gironzoli un po' nel mio blog avrai tante risposte alle tue interessanti domande.
      E' molto bello vedere che sei interessata a questa parte di mondo, non è da tutti sai?!

      Elimina
    2. So che sei la mamma super di una figlia super....Siete una famiglia incredibile...davvero non ne conosco di altre così.....e pure tuo figlio giovanissimo!!
      Farò un giro turistico attraverso il tuo blog e quello di Diana...per trovare le risposte.
      Ho trovato il post che mi hai segnalato, ma ho visto che è lungo e voglio leggerlo domani a mente lucida, a quest'ora non lo sono per nulla :-))
      Auguratemi buon viaggio virtuale in Nicaragua! :-D

      Elimina
  6. Questo credo sia, a mio avviso, il tuo più bel post. Mi ha commossa, emozionata e fatta sperare. La prima fotografia, del nostro Lucas mi piace molto. Questo gruppo è fortissimo e ci insegna tanto. Sono feliceche tu ne abbia parlato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meravigliosa Diana, quante cose si fanno qui, speriamo che il mio fisico tenga duro e..... anche il tuo.
      Dì pure Lucas "de no'antri..."
      Sono senpre contenta di parlare di loro e ho pronto un post che parlerò anche di altri.

      Elimina
  7. E' davvero favoloso il lavoro di questi ragazzi e il vostro, adesso sppiamo qualcosa in più delle vostre attività quotidiane. E non ci stancheremmo mai di leggere queste belle notizie e di imparare sempre un pochino sulla vita. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene Spirulina, qui se una cosa fila dritta è una grandissima bella notizia da scrivere, non farà gossip (anche se lo dovrebbe fare) ma è un spinta in avanti.

      Elimina
  8. quanto è bello vedere questi ragazzi sorridere e gesticolare.. grazie Carla che ci regali sempre un sorriso ed un insegnamento con ogni tuo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è molto bello avere la possibilità di farveli conoscere. Grazie a te Vaty che vieni a leggere!

      Elimina
  9. Ciao,grazie mille per il commento nel mio blog. Devo dire che questo blog è molto interessante,spero di trovare un pò di tempo per spulciarlo per benino e capire qualcosa in più su di voi.
    A presto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Audrey, benvenuta qui da me.
      Spero davvero che spulcerai qualcosa da questo blog. Noterai che ogni tanto faccio scrivere un post alle "mie" meravigliose fanciulle e poi loro leggeranno i commenti, purtroppo con le prime non ho avuto un gan successo ma non importa ci siamo divertite e chi ha letto i loro post ha avuto modo di conoscere delle ragazze speciali.
      Io intanto ho già gironzolato per il tuo blog.
      Mi piace conoscere un mondo nuovo.....
      A presto quindi!

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily