Passa ai contenuti principali

Una notte con le tartarughe

Siamo arrivati alla spiaggia La Flor di San Juan del Sur una Reserva Natural dove le tartarughe vanno a deporre le loro uova. Siamo arrivati giusto in tempo per goderci il fantastico tramonto, dirigendoci alla spiaggia troviamo diverse mucche tutte bianche che si godono gli ultimi attimi di luce prima del tramonto. Lo spettacolo è splendido, ci dirigiamo tra gli alberi del bosco accompagnati da queste placide mucche e vediamo davanti a noi l'oceano 

Sullo sfondo l'oceano



La luce del tramonto si riflette su questa scena 


e ci appare il tramonto proprio lì davanti a noi come se ci stesse aspettando, il sole sta andando a dormire, siamo talmente estasiati dai colori che ne veniamo avvolti, siamo completamente circondati dal colore rosso e arancione che d'improvviso diventa intensamente blu ed in pochissimi attimi tutto è buio.




Sono già quattro anni che torniamo su questa spiaggia per vedere la meraviglia dell'arrivo delle tartarughe che depongono e la schiusa delle uova. 
Ogni anno è sempre diverso poichè non si sa esattamente quando arriveranno le tartarughe adulte ma più o meno si sa quando si schiuderanno le uova. 
Quando arriviamo nella riserva sappiamo già che assisteremo ad uno spettacolo straordinario che ci viene mostrato gratuitamente e  ne saremo anche, in un certo senso, partecipi. 
Sono le 6.30 del pomeriggio e il sole è già tramontato da quasi un'ora e noi quattro, gli unici arrivati fin qui, ci facciamo guidare da Giovanni (la nostra guida) che con tanto entusiasmo ci spiega quello che dobbiamo fare. 
Questa è una sera molto particolare, Giovanni ci informa che potremo assistere sia all'arrivo che alla schiusa . 
Quando ci dirigiamo al grande capanno vediamo che ci sono molti sacchi pieni di terra con un'etichetta. 
Sappiamo che dentro i sacchi ci sono le uova delle tartarughe  che i guardiani della riserva hanno raccolto per salvarle dai predatori, cani, uccelli ma i più pericolosi sono gli uomini. Ci avrei giurato!  Le etichette indicano la presunta data della schiusa. 
Alle 7.00 Giovanni da a ciascuno una canasta piena di tartarughine e ci invita ad accompagnare queste piccoline all'oceano, sono nate la mattina alle 5.00 ed è ora di andare ad affrontare la vita. 
Ci ringrazia per l'aiuto che stiamo dando alla riserva ma in realtà noi lo consideriamo un gran privilegio partecipare a questo meraviglioso evento. 




Quando arriviamo sulla spiaggia completamente buia  possiamo farci luce solo con la lampadina del cellulare, Giovanni e Andrea hanno una piccola torcia ciascuno, ma il buio è davvero pesto quindi dobbiamo lasciare che i nostri occhi si abituino a quella oscurità accompagnata dall'unica luce permessa in questo contesto. 

Con il mio cellulare riesco a  riprendere qualcosa, non è facile in questa oscurità ma noi ci sentiamo felici e ci accorgiamo che non possiamo usufruire come sempre della luce della luna.   Di solito la luna è davvero provvidenziale in questi contesti, davvero una utile lampada sia per noi che per le tartarughe adulte e piccoline. 

Vorrei trasmettere i rumori, i suoni e i fruscii  di quella notte ma posso solo darne l'idea poichè Blogger non mi carica i video  e questo mi irrita molto, non riesco quindi a farvi ascoltare le nostre impressione dette lì per lì quando sembriamo dei pazzi esaltati e forse lo siamo davvero ma quanta meraviglia tutta insieme! Ero riuscita a riprendere la tartaruga adulta e tante tartarughine uscire dalla sabbia, pazienza, mi spiace molto però non poterle mostrare.

Abbiamo assistito sia all'arrivo della tartaruga adulta che ha deposto le sue uova.


La tartaruga arriva alla spiaggia e sceglie il sito per deporre le sue uova


La tartaruga depone le uova, un centinaio circa
Dopo aver deposto le uova la tartaruga le copre con cura con la sabbia e la compatta bene  perchè siano protette da eventuali predatori .

dopo che la tartaruga ha deposto le uova Giovanni le posa in una canasta che porterà al capanno dove saranno successivamente riposte nei sacchi con la sabbia e aspetteranno di schiudersi
Questa è una precauzione che si usa  proprio perchè negli ultimi decenni  vengono rubate sempre più spesso le uova di tartaruga e questo provoca un notevole danno alla specie considerando che vi sono anche gli animali predatori che in modo naturale vanno a caccia delle uova e dei piccoli, considerando che sono una specie protetta questa operazione è per salvaguardia.

I rumori, il vento, le nostre voci forse riescono a trasmetter un po' di felicità e vi assicuro che quella sera su quella spiaggia, che nessuno conosce, succedeva qualcosa di grandioso- 

C'è dell'altro da fare, cercare i nidi dove le uova si stanno schiudendo, quelle che i guardiano non hanno riposto nei sacchi con la sabbia.  Individuare nel buio totale dove la sabbia si muove, è lì che stanno nascendo le piccole tartarughe, sbucando dalla sabbia, e ne troviamo a centinaia, non dobbiamo perderne il conto poichè Giovanni ha con se un registro. 
Le aiutiamo ad uscire dalla sabbia dura e bagnata come Giovanni ci ha insegnato, il buio è totale e non possiamo disturbarle con la luce della pila per non disorientarle una volta uscite dal nido. 
Pronte si dirigono verso l'oceano.
Tutto ciò ha dell'incredibile, immaginate la spiaggia, il buio e le nostre piccolissime pile, noi alla ricerca delle tartarughine sbucare dalla sabbia e, sotto la guida di Giovanni, aiutarle ad uscire dal profondo buco, riporle nella canasta ed accompagnarle all'oceano. 
Riuscite ad immaginare quanta bellezza? 


Tartarughe che escono dalla sabbia

dirette verso l'oceano
Molte le accompagniamo noi all'oceano

Intanto la tartaruga adulta sta tornando all'oceano dove, Giovanni ci spiega, poco distante c'è il suo compagno che l'attende

Commossi, felici e pieni di gratitudine ce ne torniamo a casa 
Giovanni





Commenti

  1. Sono rimasta davvero emozionata da questo racconto fotografico, so bene quanto le tartarughe fatichino a deporre le uova e quanto siano delicati i loro piccoli, il vostro lavoro è stato molto prezioso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIAO Melinda, Non hai idea di quanta fatica facciano le tartarughine ad uscire dalla sabbia, molte infatti non ce la fanno. Essere lì è un emozione da brivido.
      Un caro saluto

      Elimina
  2. L’uomo è sempre il predatore più temibile… che tristezza…
    Cara Carla, hai raccontato talmente bene, piena di grande entusiasmo e tantissima commozione che mi sembrava di esser lì con voi dal tramonto all’arrivo del buio, alla ricerca delle uova e al pensiero magari di non calpestare le piccole tartarughine...
    Mi pareva d’esser lì a percepire la vostra gioia, ascoltare il vento... i fruscii, e i vostri cuori colmi di commozione…
    Che meraviglia di posti avete lì, la forza e la bellezza della natura che continua la sua corsa per la vita.
    Ti ringrazio immensamente d’averci resi partecipi di questo meraviglioso evento.
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è stato anche il pensiero di pestare quelle piccole creaturine in effetti, ma dopo un po' la nostra mini pila ci sembrava una lampada e abbiamo fatto del nostro meglio.
      L'emozione non ha prezzo e si comprende in maniera completa di far parte di un progetto meraviglioso.

      Elimina
  3. E' una cosa bellissima. Chissà che emozione.
    Anche a Lampedusa c'è una spiaggia che si chiama Isola dei Conigli, dove le tartarughe depongono le uova e una parte è protettissima. Mi son sempre chiesta come sarebbe vedere le uova schiudersi. Ora lo so grazie al tuo racconto. :-)
    PS: ma dove vivi? Ora sono ancora più curiosa. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le spiagge in cui vanno le tartarughe sono super protette e meno male che è così, nonostante questo sono specie in pericolo.
      Le uova sono sotterrate dalla tartaruga che le depone quindi è un emozione vedere il loro minuscoli musetti spuntare dalla sabbia.
      Si provano brividi di emozione.
      Ciao e a presto!

      Elimina
  4. Che cuccioli buffi!
    Mi stupisce sempre la competenza innata di certi animali, davvero straordinaria!
    Un abbraccio, Carla, e a presto!
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per decenni le stesse tartarughe vengono a deporre nella stessa spiaggia le stesse nate proprio lì.
      Credo che sia molto più che competenza.
      Un abbraccio anche a te Flo.

      Elimina
  5. No, vedi? Il tuo blog non mi viene ancora segnalato... uff, devo capire il perché!
    Cooomunque, foto e post emozionatissimi!
    Deve essere stupendo assistere a certi spettacoli....!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io davvero faccio fatica a capire Blogger in questi ultimi tempi quindi non ti posso proprio aiutare.
      Sì, è stata una notte stupenda, i suoni , i rumori li sento ancora.
      Un caro saluto Moz

      Elimina
    2. Ora dovrebbe tutto essere risolto col blogroll... la prova del nove sarà il tuo prossimo post^^
      Buon weekend, cara!

      Moz-

      Elimina
    3. Bene, benissimo, Invece io non riesco a postare i miei video.
      Ciao Ciao.

      Elimina
  6. che invidia carla!
    dev'essere un'esperienza indimenticabile.
    il posto sembra magico.
    un abbraccio, a presto
    chiara

    RispondiElimina
  7. Ciao chiara, Certo è indimenticabile, ma cerco di venire in quest spiaggia tutti gli anni almeno 2 volte e poi ci sentiamo utili ad aiutare i guartdiaparchi.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Che esperienza indimenticabile e meravigliosa !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed emozionante, non si può spiegare.
      Grazie di essere passata di qua.
      A presto!

      Elimina
  9. Bellissima esperienza e bellissime foto. Anche la spiegazione è ben impostata. Penso che sia molto bene quello che state facendo perché effettivamente i predatori sia delle uova che delle piccole tartarughe sono molti e l'ultimo non è certo l'uomo, come dici tu. Purtroppo i predatori si trovano anche in mare e normalmente le tartarughe sopravissute non sono molte. Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mole grazie Elio, i predatori sono davvero un problema. Gli avvoltoi e i cani sono gli animali che bazzicano queste spiagge, e gli uomini che si fingono turisti sono quelli più pericolosi. Altri le rubano per mangiarle. I guardiani di questo parco naturale stanno facendo un grosso lavoro, a loro va tutta la nostra stima.
      La cosa che mi ha colpita quest'anno, che prima non sapevo, è che le tartarughe adulte si avvicinano alla riva in coppia maschio e femmina, mentre la femmina si addentra nella spiaggia il maschio l'aspetta in acqua, credo che questo sia molto tenero, in fondo la natura anche se in alcuni contesti è cruda è anche tenera.
      Un caro saluto.

      Elimina
  10. La natura è sempre spettacolare.
    Ti auguro una serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Cavaliere, i migliori spettacoli vengono proprio da lei e sono gratis.

      Elimina
  11. Che avventura meravigliosa! Lo spettacolo del tramonto e le piccole tartarughe che corrono verso la vita...emozionantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci lasciamo davvero travolgere dall'emozione. Vedendo tanta bellezza e sapendo che quelle medesime tartarughine quando saranno adulte torneranno nella stessa spiaggia a deporre ci fa sentire ancor più coinvolti in qualcosa di molto grande che sta intorno a noi....
      Un caro saluto Sontyna!

      Elimina
  12. ma queste foto sono f a v o l o s e mi sono emozionata! Mamma mia. ti aspetto da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, pensa ad essere lì quanto coinvolgimento emozionale.
      Schizzo da te!
      A presto

      Elimina
    2. Ma già ti seguo, mi piace moltissimo il tuo blog e mi dispiace che mi sia sfuggito il flash mob del primo marzo e dire che ho anche commentato il post..., non sono in Italia e miseramente non ho scritto un post.
      Potrò essere perdonata? Mi farò perdonare in futuro, te lo devo, ma soprattutto lo devo ai libri.
      Ciao e a presto......

      Elimina
  13. oddio che splendida esperienza.... hai tutta la mia invidia.... Da un paio anche a Lecce vengono le tartarughe Caretta Caretta a deporre le uova ma ancora non ho mai avuto il privilegio di vedere una schiusa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni d'occhio le date, chiedi ai guardiani (se è una spiaggia protetta) fatti questa esperienza, è indimenticabile. La deposizione è molto emozionante, La cura che ci mettono le tartarughe a scavare il buco molto profondo e poi a coprirlo, il battito delle loro pinne sulla sabbia è da brivido nel silenzio totale della spiaggia di notte.
      Grazie del tuo passaggio.
      A presto!

      Elimina
  14. Che splendida avventura osservare la vita degli animali, ne hai fatto un bel reportage. Abiti in un pezzetto di paradiso... vado a vedere com'è il Nicaragua di cui so poco.
    Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Sari, tutto ciò che mi circonda la considero una splendida avventura. Ti ringrazio moltissimo per chiamare reportage questo post, sei troppo buona!
      Hai visto in questo blog ci sono alcune cose interessanti sulla vita qui in Nicaragua.
      Un caro saluto

      Elimina
  15. Un mondo incantato dove la purezza delle emozioni non può che riempire il cuore di una gioia intensa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emozioni da brivido che mi lasciano senza fiato.
      Grazie Ambra!

      Elimina
  16. Ciao Carla,
    sono riuscita finalmente a passare anche da te. Scusa ma non sto ancora molto bene e quindi mi risulta difficile fare tutto nello steso giorno.
    Questo post è stupendo, emozionate direi. Che fortuna hai avuto!!!! La bellezza della natura è qualcosa di meraviglioso e incantevole e non tutti abbiamo il privilegio di goderne.
    Grazie per essere passata da me a presto
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Audrey, mi dispiace tantissimo per la tua salute e comprendo molto bene che non si può fare tutto. Non è facile seguire un blog figurati seguirne molti.
      Certo che tu ed Antonella non ve la passate molto bene in questi ultimi tempi. Vi abbraccio forte tutte e due.
      A presto!

      Elimina
  17. Che meraviglia, che esperienza fantastica! Quando vedo i documentari sulle tartarughine mi commuovo sempre. Che belle esperienze che fai laggiù, Carla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esperienze meravigliose sia a livello emozionale che sociale.
      Ora sono rientrata in Italia e, come sempre, spero di tornare al più presto in Nica.
      Ciao cara Silvia.

      Elimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily