Passa ai contenuti principali

Oggi Bazille - Impressionismo


Quando le influenze contano, quando hanno un certo peso nelle decisioni della vita, quando si ha alle spalle una famiglia agiata e si parte per Parigi per studiare medicina e poi ci si ritrova completamente coinvolti o influenzati, appunto, da un certo Eugène, sì quel Delacroix di cui molti parlano, si decide allora di dare una svolta alle aspettative che gli agiati genitori si erano posti. Ciò accadde per il giovane Frédéric che decide di frequentare la scuola del  pittore svizzero Charles Gleyere che sarà
il suo maestro ed è qui, nello studio del suo insegnante, che Jean Frédéric Bazille conoscerà Monet, Renoir, Sisley solo per dirne alcuni, fino al giorno in cui lui stesso aprirà il suo proprio studio prima in rue  Visconti e poi in Via Batignolles, lo studio che sarà il punto d'incontro e di richiamo dei grandi dell'impressionismo come Pizarro, Manet, Degas, Verlaine, Cézanne oltre al luogo di ritrovo del Café Guerbois  dove tra discussioni ed impulsi artistici si formerà il gruppo dei più importanti impressionisti, la base. 
Atelier in rue Visconti

Questo è l'atelier che Bazille divideva con Renoir. Al centro c'è Bazille che tiene una tavolozza in mano. Bazille stesso scrive al padre che la sua figura è stata dipinta da Manet ed i critici ne riconoscono lo stile. In questo quadro Manet è riconoscibile dal cappello che osserva la tela davanti a se sul cavalletto. Al pianoforte a destra Edmond Maître, amico di Bazille.
Appesa al muro sopra il pianoforte si nota una natura morta di Monet. Questo lascia intendere che Bazille acquistasse quadri di artisti per aiutarli finanziariamente.

Probabilmente i tre uomini posti alla sinistra del quadro potrebbero essere  Monet,  Renoir o  Zacharie Astruc... Il quadro posto sopra il divano "La toletta" (Montpellier, museo Fabre)  e Il pescatore con giacchio (Zurigo, Fondation Rau) a sinistra, in alto, potrebbe trattarsi di un "paesaggio con due personaggi" di Renoir rifiutato dal Salon del 1866 (la grande tela con cornice, posta a destra della finestra), non furono ammessi al Salon
Con questa precisa scelta Bazille sceglie meticolosamente questi soggetti come critica aperta all'accademia per esrpimere la sua concezione di arte.
Dopo la sua morte sul fronte Franco-prussiano pare che quest'opera rappresenti il commovente testamento dell'artista.
(in parte da commento delle opere M
usée d'Orsay fr/it/)

Bazille fu legato da una profonda amicizia con Sisley con il quale dipingeva la foresta di Fontainbleau, Honfleur, i luoghi amati dagli impressionisti. 
A quel tempo i più grandi esponenti dell'impressionismo come MONET diedero vita a questo nuovo ed importante stile pittorico  L'IMPRESSIONISMO   (potete leggere QUI)

La breve storia sintetizzata di questo grande dell'Impressionismo si conclude tragicamente nel corso della guerra franco-prussiana quando Frédéric Bazille decide di arruolarsi come volontario in un reggimento di Zuavi nonostante i numerosi tentativi di dissuasione dei suoi amici artisti. 
Muore due giorni prima di compiere i suoi 29 anni alla sua prima uscita al fronte, era il 28 novembre del 1870 a Beaune la Rolande.

Lo scoppio nel 1870 della guerra Franco-Prussiana fu un ostacolo per quegli artisti impressionisti che avevano organizzato la loro prima mostra, non se ne fece nulla proprio per la condizione bellica del momento. 
Quattro anni dopo, nel 1874 i grandi impressionisti fondano la "Societé Anonyme des artistes, peintres, sculpteurs, graveurs" ed organizzano la loro prima mostra dove vennero esposte anche molte opere di Jean Frédéric Bazille. Per maggiori dettagli potere leggere QUI  

Alcune opere di Bazille

La robe Rose  -  Musée d'Orsay di Parigi (148 cm x 110 cm)

Réunion de famille  -  Musée d'Orsay (152 cm x 230 cm)

Scène d'été - Cambridge - Massachussetts (158 cm × 158 cm )

Paysage au bord du Lez  - Minneapolis Institute of Arts  (137.8 cm x 202.50 cm)


Commenti

  1. Beh, sono davvero notevoli. Alcune opere sembrano vere e proprie fotografie.
    Una vita stroncata presto, chissà cosa avrebbe potuto realizzare ancora!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,vita troppo presto stroncata, la guerra che lascia il segno in ogni epoca.

      Elimina
  2. Ciao Carla, bellissimo post, adoro la pittura impressionista ma conoscevo poco o niente di Bazille ....grazie!
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che lo hai conosciuto qui da me.
      Ciao Gio

      Elimina
  3. Cara Carla, io di pittura non ne capisco tanto se anche mi piacciono, direi tutti.
    Ciao e buona giornata cara amica sempre con un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure nella tua famiglia ci sono pittori, o sbaglio?
      Buona giornata a te Tomaso

      Elimina
  4. Grazie Carla per questo bellissimo post. Sapevo veramente pochissimo di questo artista, adesso conosco qualche cosa in più ed è un grande arricchimento.
    Un grande abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella... Davvero mi onori, detto da te...
      Un abbraccio !

      Elimina
  5. Una carrellata di vere emozioni in colore. Se consideriamo che sono stati dipinti 150 anni fa. Scène d'été - Réunion de famille su tutti.
    Felice giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono colori molto particolari, in fondo ogni pittore impressionista aveva la sua particolarità nel colore, anzi nella cattura del colore.
      Bellissimi!

      Elimina
  6. Ciao Carla, che belli questi post artistici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, sono molto contenta ti sia piaciuto il post.
      Al prossimo dunque.

      Elimina
  7. Bella ed interessante la lettura del quadro”Studio dell’artista (1870) ”
    Esaustiva la cronologia della vita dell’artista. Grazie.
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, davvero interessante, a me è parso d'entrare un po' nel quotidiano di questi artisti.
      Ciao Enrico

      Elimina
  8. Ciao Carla,
    grazie per questo interessantissimo e bellissimo post.
    Non conoscevo bene quest'artista e devo dire che ho scoperto tanto grazie a te.
    certi dipinti sono meravigliosi ;)
    un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Audrey e buona giornata.

      Elimina
  9. Quanto bello e interessante c'è da scoprire a questo mondo. Neppure io conoscevo questo pittore sfortunato per via della guerra. Oggi l'ho conosciuto grazie a te che sei stata la sua mentore.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. Un pittore impressionista davvero particolare nei colori, dipinti bellissimi, pieni di vita!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina

Posta un commento

*INFORMO CHE TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO RIMOSSI.*

****************************************************
GRAZIE A CHI SI IDENTIFICA E SI FIRMA!
****************************************************

Copyright © 2016
L'autore si riserva in ogni momento il diritto di modificare o eliminare le informazioni ivi contenute.
Per ogni immagine, fotografia e testo, presenti nel blog, che non appartengono all'autore del blog ilcastdellanostravita.blogspot.it, sarà dovutamente specificata la fonte.


Post popolari in questo blog

L'ho visto, l'ho rivisto e mi ha fatta stare bene 



Dal canale di William Wei

Tiziano Terzani

Domande: Quale? Perchè?

Grazie ragazzi dei commenti al post precedente  ma mi piacerebbe sapere, per pura curiosità (personalissima), qual'è l'opera delle "Tre Grazie " che vi è piaciuta di più? E perchè? O magari vi piace un'altra opera (sempre le Tre Grazie) che non ho postato?

carlafamily